News

Top ten degli inquinanti, Ewg: “Ritirateli subito!”

L’Agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente ha annunciato che valuterà i potenziali rischi per la salute umana di 10 prodotti chimici. “E’ un passo avanti importante – commenta l’ong Environmental Protection Agency – ma i consumatori non possono attendere 5 anni la conclusione della valutazione. Le sostanza dannose devono essere messe al bando subito”. Le sostanze sono:

1,4-Diossano

Utilizzato soprattutto nei cosmetici, ad esempio in detergenti, agenti schiumosi, emulsionanti e solventi. Presente nelle acque sotterranee, dell’aria ambiente e per ambienti interni. Le ultime valutazioni del 2014 lo indicano come possibile cancerogeno per l’uomo.

1-Bromopropano

Possibile cancerogeno per l’uomo. Utilizzato nei prodotti di consumo. Presente in acqua potabile, ambienti interni, le acque di superficie, aria ambiente, acque sotterranee, del suolo.

Amianto

Conosciuto cancerogeno per l’uomo; Tossicità acuta e cronica da esposizioni inalatorie. Utilizzato nella produzione di cloro-alcali, prodotti di consumo, rivestimenti e composti, materie plastiche, prodotti di copertura, e altre applicazioni. Anche in taluni prodotti importati come i freni, prodotti di attrito, guarnizioni, materiali di imballaggio e materiali da costruzione.

Tetracloruro di carbonio

Probabile cancerogeno per l’uomo. Questa molecola è anche conosciuta con il nome Freon 10 e viene utilizzato come componente nel liquido degli estintori, nei frigoriferi, nei condizionatori, negli smacchiatori e nei lavaggi a secco. Presente in biomonitoraggio, acqua, ambienti interni, le acque di superficie, aria ambiente, acque sotterranee, del suolo potabile. 

Ciclico Cluster alifatici Bromuro

E’ sospettato di essere tossico per gli animali acquatici. E’ utilizzato principalmente come ritardante di fiamma in schiuma di polistirene estruso, prodotti tessili e gli apparecchi elettrici ed elettronici.

Cloruro di metilene

Probabile cancerogeno per l’uomo. Anche noto col nome di diclorometano, serve come solvente ed estraente per grassi, oli, oli minerali, cere, resine, esteri cellulosici, caffeina, ecc. nell’industria metallurgica, tessile, del cuoio, delle materie plastiche, farmaceutica e dei generi alimentariPresente in acqua potabile, ambienti interni, aria ambiente, acque sotterranee e del suolo.

N-metilpirrolidone

E’ sospettato di essere tossico per il sistema riproduttivo. Utilizzato come solvente molto forte per gommalacca, vernici, polimeri acrilici e resine. Presente in acqua potabile e ambienti interni.

Pigment Violet 29 

E’ sospettato di essere tossico per gli animali acquatici. Utilizzato nei prodotti di consumo.

Tetracloroetilene, noto anche come percloroetilene

Probabile cancerogeno per l’uomo, è il solvente più conosciuto per il lavaggio a seccoPresente in acqua potabile, ambienti interni, le acque di superficie, aria ambiente, acque sotterranee e del suolo.

Tricloroetilene

Probabile cancerogeno per l’uomo. Il trilene è un solvente utilizzato principalmente per la rimozione di macchie nelle operazioni di lavaggio a secco e si trova in alcuni prodotti per la pulizia acquistabili anche dai consumatori. Presente in biomonitoraggio, acqua potabile, ambienti interni, aria ambiente, acque sotterranee, del suolo.

Il Toxic Substances Control Act

Con l’approvazione del Tsca, l’Epa ha il compito di provvedere alla valutazione di tutte le sostanze tossiche e, in caso di conclusioni positive deve indicare le opportune restrizioni di uso.

Previous post

Condanna senza appello Ue: lettini e lampade solari "cancerogeni"

Next post

Miti alimentari. Cibo e farmaci: sappiamo davvero come combinarli?

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino