News

Presentato il primo marchio per i prodotti senza lattosio

Arriva l’etichetta per i prodotti senza lattosio. A presentarlo è l’Associazione italiana latto-intolleranti Onlus (Aili) che ha svelato il primo marchio “italiano, Europeo ed Internazionale che identifica e garantisce i prodotti senza lattosio o senza lattosio, latte e derivati”. Sono sempre di più infatti le persone intolleranti a questa proteina, e  di conseguenza aumenta anche il numero di prodotti che sugli scaffali dei supermercati. “L’idea nasce da una forte richiesta sociale emersa durante la pluriennale attività dell’associazione e mira a dare un aiuto concreto a tutte le persone che soffrono di questa intolleranza” scrive Aili.

Il marchio azzurro o verde

Il Marchio, denominato Lfree è stato pensato per i prodotti alimentari, farmaceutici e integratori senza lattosio o senza lattosio, latte e derivati, e sarà disponibile in due colori, azzurro per i prodotti senza lattosio come latte e derivati privati dello zucchero, e verde, per i prodotti privi di lattosio, latte e derivati, pensati soprattutto per gli allergici alle proteine del latte. Aili ha partecipato, insieme ad un team di esperti alla realizzazione di un documento tecnico – scientifico che accompagna il marchio grafico e che delinea le linee guida affinchè un’azienda possa ottenerlo in concessione d’uso, su base volontaria. Intanto, prende piede anche un progetto denominato “Senza Lattosio Fuori Casa”, che informa tutti quei locali che operano nella ristorazione e nel turismo, sul senza lattosio e le relative preparazioni idonee a chi deve seguire questa dieta particolare. Aili a breve pubblicherà la prima mappa italiana con i locali che aderiscono al progetto “Senza Lattosio Fuori Casa” ed un elenco dei prodotti certificati. Il lattosio è presente in tanti prodotti di uso comune, come lo yogurt, la mozzarella, il parmigiano, in percentuali diverse, come il Test-Salvagente aveva raccontato nel numero di agosto.

 

Previous post

I falsi miti dell'alimentazione sana

Next post

Olio di palma, Amnesty: "Nelle piantagioni sono sfruttati bambini e donne"

The Author

Leonardo Masnata

Leonardo Masnata