News

I grassi saturi fanno danni al cuore (con buona pace della lobby dell’olio di palma)

Quante volte avete sentito ripetere, in queste settimane, che i grassi saturi non sono poi così dannosi come si credeva in passato? Se faticate a fare mente locale vi aiutiamo noi. È uno dei punti cardine della campagna dei sostenitori dell’olio di palma. Nel disperato tentativo di riabilitare un grasso che gli italiani hanno già scartato, si spingono a ribaltare anni e anni di ricerche e di educazione alimentare.

Ma la scienza è ostinata. E oggi arriva una nuova, importante ricerca che ribadisce come esista un’associazione tra assunzione di singoli grassi saturi e il rischio di malattia coronarica. Ironia della sorte, tra gli autori dello studio c’è il centro di ricerca e sviluppo della Unilever, la stessa azienda che compare nel board dell’Unione italiana olio di palma sostenibile, il gruppo di pressione che da circa un anno ha scatenato una campagna mediatica a favore del grasso tropicale.

La ricerca sui grassi saturi

palma-cover
Se non credete alle verità ufficiali e a senso unico, ordinate la guida gratuita del Salvagente. A voi arriverà in omaggio a casa: richiedila cliccando questo link http://buff.ly/2gofb2B

Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal (BMJ), ha analizzato i dati provenienti da più di 115.000 persone in due studi di coorte a lungo termine per studiare le potenziali associazioni tra acidi grassi saturi  e il rischio a lungo termine della malattia coronarica.
Eseguita congiuntamente da ricercatori della Harvard T.H. Chan School of Public Health (HSPH) negli Stati Uniti e il gruppo di ricerca e sviluppo di Unilever nei Paesi Bassi, l’analisi ribadisce precedentemente identificato associazioni tra un aumento del consumo di grassi saturi e aumento del rischio di malattia coronarica.
Tuttavia, va oltre gli studi precedenti, individuando i collegamenti tra acidi grassi saturi specifici – tra cui l’acido stearico, che alcuni paesi come la Francia attualmente non includono nella legislazione di grassi saturi.
“A causa di associazioni simili e alte correlazioni tra acidi grassi saturi, i consigli dietetici per la prevenzione della malattia coronarica dovrebbe continuare a concentrarsi sulla sostituzione di grassi saturi  con le fonti più sane di energia”, ha commentato il team, guidato dal dottor Qi Sun.

Previous post

Pezzi di vetro nello stracchino, Granarolo ritira il formaggio

Next post

Amarone contraffatto, Auchan lo ritira dagli scaffali

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili