News

Regina ti premia, caso chiuso: la Sofidel “sblocca” i premi

88mila premi distribuiti e una raccolta punti che ha avuto un successo che, forse, neppure gli organizzatori si aspettavano. E che alla scadenza ha creato diversi problemi.

Il caso, qualche lettore lo ricorderà, è quello di Regina ti premia, la raccolta della Sofidel. A segnalarci per primo i problemi un lettore che, dopo aver inviato la cartolina con il numero di codici necessari a ottenere il premio, a ottobre si vede chiedere anche gli scontrini di acquisto. Ovviamente il lettore non li ha più, “Sulla cartolina non c’era nessun accenno agli scontrini”, assicura. L’azienda, contattata da TestMagazine, ci spiega che si tratta di un controllo a campione e che l’obbligo di mantenere gli scontrini è spiegato nel regolamento. In ogni caso la Sofidel risolve il problema al nostro lettore.

Da quel momento, però, in redazione arrivano decine di segnalazioni analoghe. Tutti consumatori che avevano inviato le cartoline e si erano trovati di fronte alla verifica a campione. A questo punto decidiamo di insistere con la Sofidel e di chiedere una soluzione che soddisfi chiunque si trovi nella stessa situazione.

E oggi la Sofidel ha deciso di risponderci. Massimo Nicosia, direttore Marketing dell’azienda, assicura che nessuno rimarrà senza regalo: “Tutti i consumatori che ne avevano diritto lo riceveranno. Abbiamo sbloccato le situazioni pendenti, tranne quelle che avevano irregolarità macroscopiche”.

Non ci saranno, insistiamo noi, altre richieste di scontrini ai clienti? “Non solo abbiamo chiesto alla società che si occupava delle verifiche di avere più flessibilità ma abbiamo contattato direttamente i clienti che avevano ricevuto la richiesta di scontrini”.

Tutto risolto, insomma? Dalla Sofidel giurano di sì e chiedono un po’ di pazienza per la consegna dei premi, più numerosi di quanto ci si sarebbe aspettato. “Alcuni premi, come la trapunta, sono esauriti e li abbiamo riordinati – ci dice Nicosia – ma tutti i clienti saranno soddisfatti entro i 180 giorni previsti per la loro consegna dal regolamento”.

 

Previous post

I produttori italiani: "L'insalata pronta è sicura". Ma lavarla a casa è sempre meglio

Next post

Glifosato, la Lorenzin lo proroga di 90 giorni. E Martina cosa dice?

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili