News

Pasta, ecco cosa prevede il decreto sull’indicazione di origine

È pronto il decreto interministeriale, firmato dai ministri Maurizio Martina (Politiche agricole) e Carlo Calenda (Sviluppo economico), per introdurre sulle etichette della pasta l’indicazione del paese di origine della materia prima: grano e/o semola.

Domani l’atto sarà notificato a Bruxelles che, come è successo già per l’indicazione di origine su latte e formaggi, deve avere il via libera della Commissione europea.

Ma all’atto pratico il consumatore cosa dovrebbe trovare scritto sulle confezioni?

  • il Paese di origine dell’ingrediente primario della pasta, ossia la semola, se di fatto coincide con il Paese di ultima trasformazione: “Pasta italiana prodotta con semola italiana da grano italiano” o “Pasta prodotta da semola italiana”;
  • il Paese di provenienza dell’ingrediente primario della semola, vale a dire l’origine del grano duro. Ad esempio: “Pasta italiana prodotta con semola italiana da grano canadese”.

Se l’origine della semola e la provenienza del grano coincidono, si potrà scrivere sulla confezione “grano duro e semola 100%…” seguito dal nome del paese. Nel caso di miscele di varie origini e provenienze, si potranno completare le informazioni  con la scritta riferita a  “paesi Ue” e “paesi non Ue” come si fa attualmente con altri prodotti.

Previous post

Al ristorante? Evitate di ordinare questi piatti!

Next post

Oggi è la giornata europea degli antibiotici. L'allarme sui super-batteri

The Author

Ettore Cera

Ettore Cera