News

Gomme invernali, ecco le migliori su strada

Da oggi è obbligatorio avere a bordo le catene da neve o dotarsi di pneumatici invernali. Un obbligo di legge (chi non lo fa va incontro alla sanzione amministrativa da 422 a 1.695 euro e al ritiro della carta di circolazione) dettato da ragioni di sicurezza. Con l’inverno alle porte i pneumatici estivi possono facilmente perdere aderenza in presenza di ghiaccio, neve o anche sotto la pioggia battente. Per viaggiare sicuri ed evitare magari improvvisi pit stop per montare le catene, sarebbe il caso di optare per un treno di gomme invernali, i cosiddetti pneumatici termici. In Italia, a differenza della Svizzera e tra poco anche della Germania, pneumatici di questo tipo non sono obbligatori anche se sono consigliabili proprio perché possono risolvere molti problemi specie per chi vive o si reca spesso in regioni rigide e umide e per chi viaggia molto anche d’inverno. Così, all’inizio della stagione fredda, il Touring club svizzero ha condotto un rigoroso test in strada su gomme regolarmente vendute anche in Italia.

I risultati complessivi sono più che incoraggianti: tra quelli che abbiamo scelti noi (i marchi più blasonati e facilmente reperibili sul mercato italiano) ben sette “candidati”su nove risultano “molto consigliati” o “consigliati”. Solo Firestone e Kleber cadono nelle prove su strada. Tutt’e due considerati carenti nella prova su bagnato. La tabella che riportiamo qui sotto riguarda la categoria di gomme 185/65 R15 88T, ossia i pneumatici indicati per velocità fino a 190 km/h, e adatti a vetture come Alfa Romeo 147, Audi A3, Citroën C3, Fiat Punto, tanto per fare pochi esempi. Il Touring club svizzero, c’è da dire, ha testato anche gomme per auto di categoria superiore, le 225/45 R17 91H (fino a 210 km/h) e qui le cose sono andate diversamente. In questa fascia, adatta all’Alfa 147, l’Audi A3, la Dacia Logan, la classifica cambia completamente. E a primeggiare come “molto consigliato” è un solo modello: il Dunlop Winter Sport 5.

Molto folta la schiera dei “consi- gliati” con Firestone Winterhawk 3, Goodyear UltraGrip Performance, Hankook i*cept evo2 W320, Nokian WR D4 1, Uniroyal MS plus 77, Bridgestone Blizzak LM001, Viking SnowTech II, Vredestein Wintrac Ex- treme S, Yokohama W.drive V905. Unici bocciati il Matador MP92 Sibir Snow e il BF Goodrich g-Force Win- ter ancora una volta per scarsa ade- renza sul bagnato.

È bene ricordare che i pneumatici termici possono essere utilizzati anche sull’asciutto, quindi in teoria vanno bene tutto l’anno, anche se il periodo migliore per utilizzarli va da novembre a fine marzo. La buona tenuta di strada delle gomme invernali deriva dal fatto che la mescola del battistrada è ricca di silice e aggiunta di composti cristallini che consentono di “attaccarsi” meglio alla strada.

file_ok

Previous post

L'altra faccia del Prosecco su Report. L'inchiesta del Salvagente del 2012

Next post

Sono in pensione, se mi trasferisco negli Usa pago le tasse in Italia?

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino