News

Cosa cambierà con Trump per i consumatori Usa (e non solo)?

Una volta metabolizzato lo shock dell’elezione di Trump, cosa cambierà per i consumatori statunitensi? Una domanda che può interessare anche da questa parte dell’oceano dati i riflessi che potrebbe avere il cambio di politica a stelle e strisce anche in Europa.
Vale la pena, allora, leggersi l’analisi che, a caldo, ha fatto Kate Cox per Consumerist, popolare blog di Consumer Reports, la rivista della principale associazione dei consumatori Usa. Abbiamo tradotto l’articolo di cui vi proponiamo ampi stralci.

virgolette aperturaCon i risultati di ieri nella scatola e conteggiati, ora sappiamo che ci aspettiamo non solo una amministrazione Trump dal prossimo gennaio, ma anche di avere entrambe le camere del Congresso e la Casa Bianca tutti allineati sotto il controllo dello stesso partito politico. Ciò significa che per almeno due anni, fino alle prossime elezioni di medio termine, il partito in carica – in questo caso, i repubblicani – ha la capacità di far passare modifiche alla politica e del diritto, e ci si può aspettare che faccia così.

È quasi ovvio che promesse e dichiarazioni fatte durante la campagna elettorale non hanno alcuna garanzia di conseguenti azioni future. Ma sulla base delle dichiarazioni del vincitore, siamo in grado di avere un’idea delle direzioni in cui la politica si potrebbe muovere.

Assistenza sanitaria

Trump ha esplicitamente promesso di abrogare l’Affordable Care Act (ACA) – chiamato da molti, Obamacare – alla prima occasione ed è probabile che lo faccia fare al Congresso rapidamente. Il Senato e la Camera hanno entrambi votato più volte in passato, l’abrogazione dell’ACA, ma l’atto si scontrava costantemente (come prevedibile) con il veto dal presidente Obama. Dopo gennaio il veto non esisterà più.

Al suo posto, Trump propone la modifica di altre leggi per consentire la vendita di assicurazioni sanitaria attraverso i confini di stato e di cambiare le deduzioni sui premi pagati per le assicurazioni sanitarie e di promuovere l’HSA, il Conto di Risparmio Salute, non tassabile ed ereditabile (se un genitore anziano muore, è possibile avere i soldi versati nell’HSA, esenti da imposte o minimamente tassati).

Ci potrebbero essere novità per quanto riguarda i prezzi dei farmaci soggetti a prescrizione. Nell’ultimo anno, l’impennata dei costi dei farmaci è diventato un problema che ha attirato preoccupazione da entrambi i partiti politici.

Trump ha fatto dichiarazioni durante la campagna per quanto riguarda gli alti costi del farmaco, ma a differenza della Clinton, Trump non ha precisato eventuali piani di riforma.

Finanza privata

Trump ha detto che una delle sue massime priorità è quella di “sbarazzarsi di Dodd-Frank,” dicendo che “ha reso impossibile il funzionamento delle banche.” Si tratta del disegno di legge di riforma post crisi del 2008 che il presidente Obama ha varato nel 2010 e che ha creato la Consumer Financial Protection Bureau.
Come riporta il Wall Street Journal, però, la piattaforma economica ufficiale di Trump non fa alcuna menzione dell’agenzia. La piattaforma complessiva del Partito Repubblicano, inoltre, non parla di abrogare la Dodd-Frank e abolire il CFPB.

Una recente sentenza corte d’appello federale ha concluso che la struttura del Bureau è incostituzionale perché il presidente non ha l’autorità per rimuovere l’unico Amministratore del CFPB senza motivo.

Se tale sentenza fosse confermata, Trump potrebbe – e probabilmente lo farà – respingere e sostituire il Direttore del CFPB Richard Cordray prima del termine di cinque anni che scadrebbero a metà del 2018.

Trump non ha preso una posizione chiara sul debito degli studenti. Il Wall Street Journal riporta che in uno dei suoi libri, Trump ha detto che il governo federale “non riesce a dimenticare i prestiti agli studenti []”, e autorevoli politici del suo staff hanno suggerito che il governo federale dovrebbe recedere dal prestito agli studenti e indirizzarli  verso banche private e istituti di credito.

Tech, Telecom, e Privacy

Nel 2014 Trump ha scritto su Twitter contro il sostegno della Casa Bianca alla neutralità della rete, dicendo. Sotto nuova leadership, la FCC (la Federal Communications Commission) potrebbe scegliere di nuovo di intraprendere il processo legislativo sull’Open Internet e giungere a una conclusione diversa da quella attuale.

Trump è uno dei tanti che ha parlato contro l’attesa fusione tra AT & T e Time Warner. Annunciando se in carica avrebbe rifiutarlo “perché è troppo concentrazione di potere nelle mani di troppo pochi.”

L’ufficio del presidente non può approvare, sfidare, o rifiutare le fusioni, ma l’esecutivo nomina molte delle persone presso il Dipartimento di Giustizia, l’FTC e l’FCC che hanno tale autorità.

Trump si è anche espresso contro la fusione di 5 anni fa tra Comcast e NBCUniversal, dicendo che non avrebbe dovuto essere approvata.

Per quanto riguarda la privacy, Trump sembra essere del parere che la legge dovrebbe essere in grado di accedere a qualsiasi cosa (o a tutto). Quando Apple e l’FBI stavano litigando su se o come violare la crittografia dell’iPhone di un sospetto terrorista, all’inizio di quest’anno, Trump è intervenuto con forza sposando la linea dell’FBI. “Apple non ci permetterà di entrare in suo cellulare? Chi si credono di essere? “,  ha detto durante un’intervista televisiva.

Energia e clima

Il punto centrale, in questo settore, è il risparmio di energia pulita dell’Environmental Protection Agency, che è stato annunciato nel 2015, ma sottoposto al giudizio di una corte. (Consumer Reports, sostiene con forza il progetto Clean Power.)

Trump si è impegnato a ripristinare tutte le normative ambientali che possano disturbare la produzione di energia degli Stati Uniti, in particolare quelle che riguardano il carbone. “La guerra di Obama-Clinton al carbone è costata al Michigan oltre 50.000 posti di lavoro”, ha detto in un discorso. Promettendo di creare “milioni” di nuovi posti di lavoro nel campo dell’energia, in particolare nei campi di estrazione di “scisto, olio e riserve di gas naturale” e di “annullare tutte le azioni di Obama che hanno avuto riflessi negativi sui posti di lavoro”.

Cibo,  auto, e sicurezza dei prodotti

Trump ha preso una posizione forte contro l’esistente e la crescente regolamentazione.

In un discorso di politica economica a Detroit nel mese di agosto, Trump ha promesso che: “Al momento di assumere l’incarico, emetterò una moratoria temporanea sulle nuove normative in questo settore”.

Trump ha anche detto: “Chiederò a ogni agenzia federale di preparare un elenco di tutte le norme che non migliorano la sicurezza pubblica e che distruggono inutilmente posti di lavoro. Tali regolamenti saranno eliminati. ”

Ha anche parlato di eccesso di regolamentazione che danneggia l’industria automobilistica in particolare, dicendo che “la produzione automobilistica è uno dei settori più pesantemente regolamentati nel paese”, ma senza specificare quali norme avrebbe voluto invertire o ribaltare.

Nel mese di settembre, ha inviato una scheda che promette di ripristinare le vecchie norme di sicurezza alimentare e ridurre il potere della FDA (la Food and drug administration), ma subito dopo ha cancellato la proposta dal sito web della campagna. L’attuale posizione di Trump sulla FDA non è chiara.

Previous post

Gravidanza, 8 visite e un'ecografia. Lo dice l'Oms

Next post

Ogm, da oggi l'Italia potrà dire "no"

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili