News

L’Istat: “Metà dei bonus vanno ai redditi medio-alti”

Secondo l’Istat, circa i due terzi delle risorse destinate alla famiglia e infanzia sono rappresentante dal cosiddetto bonus Irpef 80 euro, ma metà di questa spesa viene erogata a famiglie con redditi medi e medio-alti.
“Questi dati confermano la bontà della richiesta dell’Unc di commisurare tutti i bonus elargiti in base al reddito Isee: dal bonus di 80 euro alla quattordicesima, dal bonus bebè a quello per gli asili nido” dichiara Massimiliano Dona, segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Non è solo un fatto di giustizia sociale. Se gli aiuti vengono dati, invece che ai 4,6 mln di poveri assoluti o agli 8,3 mln di poveri relativi, a chi non ha alcun problema ad arrivare alla fine del mese, i soldi non entreranno nel circolo economico attraverso i consumi e la crescita resterà al palo” conclude Dona.

Osservazioni di buon senso, aggiungiamo noi, che difficilmente entreranno a far parte della logica di questi provvedimenti. Come ha appena dimostrato anche il bonus cultura elargito ai diciottenni in questi giorni.

Previous post

Olio, il ricorso al Tar contro la multa Antitrust è un atto contro i consumatori

Next post

Auchan ritira martinetto idraulico Pollice: difetti nella meccanica

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili