News

Il sucralosio? Fa aumentare l’insulina negli obesi

Pronti al primo caffè della mattina? State per zuccherarla con un dolcificante, convinti di risparmiare qualche caloria? Forse sarebbe il caso di pensarci ben (allo zucchero, non al caffé). E controllare di quale dolcificante si tratti.

Sul sucralosio, per esempio, utilizzato per anni come sostituto dello zucchero,  si scoprono “altarini” inquietanti. Il primo, come i nostri lettori ricorderanno, è quello che ha sollevato uno studio del dottor Morando Soffritti che ha ipotizzato per questo dolcificante effetti cancerogeni.
Come non bastasse, ora arrivano effetti sulla produzione di insulina nelle persone obese, proprio quelle che ne fanno largo uso convinte che faccia dimagrire.
“Sembra che il sucralosio abbia effetti diversi sul metabolismo del glucosio nelle persone di peso normale e nelle persone con obesità, quindi i risultati precedenti in soggetti magri non possono essere estrapolati per i soggetti con obesità ” ha spiegato Marta Yanina Pepino De Gruev, PhD, professore assistente nel campo della scienza dell’alimentazione e della nutrizione umana presso la University of Illinois a Urbana.
Pepino ha aggiunto “il consumo di sucralosio aumenta la risposta insulinica nelle persone con obesità, e questo a lungo termine può avere effetti negativi sul metabolismo del glucosio”.
“Forse dovremmo rivedere la raccomandazione di sostituire le bevande zuccherate conquelle light a base di dolcificanti, almeno nei soggetti con obesità c”, ha detto spiegato l’autrice della ricerca.

Morando Soffritti su aspartame e sucralosio: “Nessuno può dire non sapevo”

Lo studio di Soffritti: “il sucralosio può provocare il cancro”

Previous post

Ci chiedono prevenzione, ma mancano i vaccini

Next post

Carrefour ritira l'aranciata Lurisia: si può rompere la bottiglia

The Author

Roberto Quintavalle

Roberto Quintavalle