News

Bayer-Monsanto: un matrimonio che non s’ha da fare

La più pericolosa fusione della storia. Così Aavaz, una delle piattaforme di petizioni on line, definisce il matrimonio tra Bayer e Monsanto chiedendo ai propri iscritti di fermarla.

“Monsanto ha avvelenato cibo e campi. Bayer ha ucciso milioni di api con i suoi pesticidi. Ora vogliono unirsi in una mega-multinazionale da 100 miliardi di dollari che può controllare l’intero sistema mondiale della produzione del cibo” inizia la nota che Aavaz ha inviato ai milioni di sottoscrittori di petizioni che ha in giro nel mondo.

E prosegue: “In questo momento stanno mettendo in piedi un’esercito di avvocati e lobbisti per ottenere il via libera da Stati Uniti ed Europa. E per fermarle, servirà una lobby ancora più grande: quella dei cittadini di tutto il mondo”.

La proposta della piattaforma è un vero e prorpio crowdfunding per trovare i soldi per realizzare campagne e sondaggi che mettano pressione alle autorità di controllo  e passare al microscopio ogni aspetto legale.

Spiega infatti Avaaz: “Due persone possono fermare la fusione se decidono che è contro l’interesse pubblico: la Commissaria UE per la Concorrenza Margrethe Vestager, e il capo dell’Antitrust USA Renata Hesse. La loro storia è incoraggiante e per questo come opinione pubblica abbiamo la reale possibilità di influenzare le loro decisioni. Ma sono e saranno sotto un’enorme pressione politica”.

Aiab: “Bayer-Monsanto? Un gigante che creerà nuove malattie”

Dagli eurodeputati agli chef: tutti contro il gigante Bayer-Monsanto

Fusione Bayer-Monsanto, la preoccupazione dei piccoli agricoltori

Previous post

Yoga, i prezzi per una lezione da nord a sud. L'infografica

Next post

Imperia, Finanza: "L'Asl nascondeva un Cup parallelo per saltare le liste d'attesa"

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili