News

Con Brexit comprare dall’Italia sui siti inglesi è più conveniente

Se gà dal giorno dopo il voto a favore dell’uscita dall’Unione europea molti inglesi si erano pentiti della scelta, gli effetti dopo quattro mesi dalla Brexit si vedono non  solo per l’economia britannica, ma anche per i consumatori italiani. Grazie infatti alla svalutazione della sterlina, il cambio con l’euro si è reso molto favorevole per la moneta unica, arrivata quasi al pareggio col conio inglese. Le conseguenze più immediate per i consumatori italiani sono la possibilità di risparmiare su molti prodotti acquistati direttamente dai siti internet inglesi. A fare una comparazione tra varie tipologie di merce è stato il portale Idealo.it , che – dati alla mano – ha concluso che a ben cercare si riesce a risparmiare percentuali da capogiro, addirittura il 115% per un paio di scarpe Adidas La Trainer. Le rilevazioni sono state fatte il 12 ottobre scorso, e come tutti i prezzi su internet, sono suscettibili a cambiamenti nel tempo.

Scarpe e casse, ottimi acquistiinfografik_pfund-und-euro

Nello specifico, sono state confrontante dieci categorie di prodotti presenti sulle piattaforme di shopping comparativo idealo.co.uk (di base in Inghilterra) e idealo.it (portale italiano): Smartphone, Video games, TV LED, Tablet, Robot da cucina, Sneakers, Fitness Tracker, Casse Wireless, Cuffie, Smartwatch. In media gli smartphone costano meno in Italia (-4%) e si arriva a punte del 346% di risparmio scandagliando e confrontando le offerte sul portale inglese di idealo. Tra le occasioni spiccano, ad esempio, il Samsung Galaxy S4 Mini bianco venduto su idealo.co.uk a 187,39 € contro i 374,34 € in Italia. Anche i videogames costano decisamente meno nel Regno Unito (-30%).  Basso risparmio anche per i televisori (- 5%), come per gli smartphone, e per i tablet (-6%). Nel caso delle scarpe da corsa, idealo ha registrato acquisti favorevoli nel 68% dei casi, quando si compra su portali inglesi, così come comprando casse audio wireless si mantiene nelle proprie tasche il 22% del prezzo che si pagherebbe in Italia.

Attenzione ai costi di spedizione

I risultati ottenuti da Idealo sono però registrati al netto dei costi di spedizione. “Quasi tutti gli articoli venduti e spediti direttamente da Amazon – spiega Idealo a titolo di esempio – sono acquistabili anche dall’estero, tuttavia i rivenditori terzi partner di Amazon non sempre effettuano spedizioni all’estero”. Secondo Shweta GogiaSales & Account Manager per idealo.co.uk, “molti on-line shop britannici hanno sedi e magazzini presso altri Stati membri Ue e spediscono regolarmente i propri prodotti nel Regno Unito e in Europa. Per quanto concerne i costi di spedizione all’estero applicati dai retailer britannici, essi si aggirano tra le 6 e le 11 sterline”, pari a 6,50-12 euro. Dunque, soprattutto per i prodotti in cui la differenza di prezzo tra portali italiani e inglesi è di circa 10 euro, il vantaggio potrebbe essere annullato dai costi di spedizione e rendere nulla la spedizione. Oltre al fatto che pur valendo la garanzia minima 2 anni in tutti i paesi Ue (la Gran Bretagna è ancora formalmente dentro l’Unione e quindi deve rispettarne le regole fino all’uscita definitiva), in caso di guasto bisognerebbe farsi carico dell’imballaggio del prodotto, e della spedizione al rivenditore inglese. Uno sforzo che vale solo in caso di forti risparmi.

 

grazie-brexit-cosa-comprare-sui-siti-inglesi

 

Previous post

Stanotte si torna all'ora solare. I critici: "Cambio inutile e dannoso"

Next post

Soylent sospese le vendite: troppi casi nausea e vomito

The Author

Leonardo Masnata

Leonardo Masnata