News

Detersivi: grandi confezioni piccoli risultati. Il caso delle polveri “allungate”

Grandi confezioni, piccoli effetti. Il caso dei maxifustini di detersivi “allungati” con polveri meno efficaci è stato lanciato dall’autorevole mensile dei consumatori tedeschi Stiftung Warentest, dopo un test di laboratorio. I tecnici del mensile hanno preso in considerazione confezioni della stessa azienda, mettendo a confronto quelle di grandi dimensioni che hanno il vantaggio di costare a lavaggio circa la metà e quelle “concentrate”. Il risultato?
Sebbene il detergente sia dello stesso produttore nei grandi imballaggi si trova polvere di qualità spesso inferiore. In qualche caso addirittura metà del contenuto si è rivelato senza alcun effetto di lavaggio. È il caso di Ariel colore che nella versione compatta – in base al dosaggio raccomandato – ha ottenuto il voto “buono”, mentre nella maxiconfezione non ha meritato neppure il sufficiente. Stesso risultato per il Persil Color Megaperls.
Con l’eccezione del marchio di Lidl “Formil Colore” tutte le polveri in formato grande hanno guadagnato un giudizio da mediocre a scarso sul fronte dell’efficacia della detergenza.
Le polveri in grandi formati, poi, perdono su tutta la linea anche dal punto di vista ambientale. I detersivi concentrati sono compatti e richiedono meno risorse per il trasporto e l’imballaggio.

Previous post

Gli addebiti non dovuti che 3 mi ha fatto pagare per 6 mesi

Next post

Efsa: "Rischio pesticidi limitato". Glifosato sorvegliato speciale

The Author

Anna Gabriela Pulce

Anna Gabriela Pulce