News

Canone tv, c’è tempo fino a domani per mettersi in regola

Chi ha ricevuto in bolletta un addebito parziale del canone Rai deve saldare la differenza entro lunedì 31 ottobre con modulo F24. Lo ha specificato in una nota oggi l’Agenzia delle Entrate. Una fattispecie – quella degli addebiti parziali – che riguarda molte persone che, ignare della scadenza, aspettano  “tranquillamente” di saldare con le prossime fatture i 100 euro previsti per la tassa di concessione 2016. Come ci segnala Francesco da Roma: “Sulla bolletta di luglio Acea mi ha addebitato a titolo di Canone Tv 24,90 euro. Lo stesso è avvenuta con la fattura ricevuta poche giorni fa. Mi restano 50,20 euro: devo pagare entro il 31 ottobre?”. La risposta è sì, utilizzando il modello F24.

La compilazione del modello F24

Per l’anno 2016 l’importo complessivamente dovuto è pari a 100 euro e deve essere versato entro il 31 ottobre 2016, utilizzando il modello F24. I codici tributo da inserire nel modello, utilizzabili a partire dal 1° settembre 2016, sono: TVRI (per rinnovo abbonamento) o TVNA (per nuovo abbonamento). I codici sono esposti nella sezione Erario, esclusivamente nella colonna importi a debito versati, con l’indicazione nel campo “anno di riferimento” dell’anno cui si riferisce il pagamento del canone (2016).

Gli altri casi

Devono versare entro il 31 ottobre anche chi non è titolare di un’utenza, è il caso, ad esempio, di chi prende in locazione un appartamento, ha una tv, ma il contratto elettrico resta intestato al proprietario dell’immobile che versa il canone per la sua abitazione prevalente.

Sono tenuti a rispettare la scadenza tutti coloro che, pur intestatari di utenza elettrica, non hanno ancora ricevuto l’addebito in bolletta, ad esempio per nuove attivazioni o volture ancora in corso. Stessa scadenza anche per i residenti nelle isole minori dove l’elettricità è distribuita con reti non interconnesse alla rete nazionale.
Previous post

Coop: dopo l'allarme Oms si mangia meno carne rossa

Next post

Pannolini cancerogeni? Pampers smentisce la ricerca francese

The Author

Ettore Cera

Ettore Cera