News

I rimborsi “scomparsi” di Ryanair. L’Unc: intervenga l’Antitrust

L’Unione nazionale consumatori chiede l’intervento dell’Antitrust per verificare la correttezza di Ryanair in fatto di rimborsi dei biglietti aerei. “Il sito internet www.ryanair.com – denuncia Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unc – sembra omettere informazioni rilevanti per il consumatore, rendendo poco trasparente la politica di rimborso dei biglietti aerei”.

Richiedi una copia gratuita della nostra guida Viaggiare sicuri: uno strumento utile per evitare di rovinarsi le vacanze, risolvere un problema o chiedere e ottenere un giusto rimborso o un risarcimento.
Richiedi una copia gratuita della nostra guida Viaggiare sicuri: uno strumento utile per evitare di rovinarsi le vacanze, risolvere un problema o chiedere e ottenere un giusto rimborso o un risarcimento.

“Solo in caso di morte o malattia”

L’associazione ha presentato una denuncia alla all’Autorità garante della concorrenza e del mercato per la “politica restrittiva” sui rimborsi del vettore low cost. Nello specifico, spiega in una nota Unc, sul sito internet della compagnia aerea, nella sezione “Informazioni utili-Termini e Condizioni-Rimborsi”, si evince che la politica della compagnia non prevede la rimborsabilità dei biglietti salvo in alcune circostanze. Tra queste il caso di “Decesso o malattia grave di un passeggero prenotato”, il cui rimborso è previsto solo a fronte di adeguata documentazione che attesti la malattia o la morte.

A discrezione della compagnia?

“Nella clausola però – spiega Dona – è presente l’espressione  ‘a nostra discrezione‘, dalla quale si deduce che, anche a fronte di documenti che attestino la grave malattia del passeggero, la concessione del risarcimento è facoltà della compagnia aerea”. “Le condizioni contrattuali di Ryanair – conclude il segretario dell’Unc – potrebbero integrare una pratica scorretta considerato che, dalla lettura del sito, i consumatori potrebbero essere penalizzati nella tutela del loro diritto di rinunciare al viaggio in caso di malattia”.

Previous post

Il cotone sostenibile? Ikea apre la strada, gli altri arrancano

Next post

Provate per voi: le cuffie senza fili Scorpion Cellular Line

The Author

Erika Corpo

Erika Corpo