allerta prodotti

Giti e Continental ritirano pneumatici a rischio

Incidenti di percorso per GITI Tyres e Continental Tyres. La GITI, l’imponente corporate cinese che produce una gamma completa di prodotti per auto e SUV, veicoli per il trasporto leggero e pesante, bus, è infatti sospettata di aver messo in commercio delle gomme difettose che un presentano un problema che provoca crepe nella parete laterale inferiore, causando la fuoriuscita dell’aria. Le gomme Giti Tyres in Italia sono vendute con il brand GT Radial.

I modelli incriminati, prodotti in 5 località strategiche della Cina e venduti attraverso i propri brand, nei mercati di tutti i continenti, sono essenzialmente tre, il Primewell Valera Touring II, GT Radial Champiro Touring e i pneumatici Dextero Touring DTR1. Anche Continental Tyres sta richiamando alcune gomme Crosscontact LX20 prodotte nel maggio 2015 che sono stati installate su più di 14.500 della General Motors tra camion e veicoli. I pneumatici hanno un problema che potrebbe causare un’eccessiva usura del battistrada, vibrazioni, rumore, o di zone sporgenti. Il programma di sostituzione sarà attivato per evitare qualsiasi potenziale rischio per gli utenti. I pneumatici interessati potenzialmente potrebbero essere stati venduti a livello europeo sia attraverso il canale dell’equipaggiamento originale sia attraverso il canale ricambio. Continental, uno dei primi produttori mondiali di pneumatici, ha sottolineato che non vi sono state segnalazioni di incidenti o infortuni. Sulla questione la National Higway Traffic Safety ha tuttavia aperto un’inchiesta.

Per il presidente dello sportello dei diritti, Giovanni D’Agata dello “Sportello dei Diritti”, anche se GITI Tyres e Continental non hanno sino ad oggi registrato incidenti a causa di questo problema, il rischio è sempre latente. Pertanto i consumatori e i proprietari di veicoli a motore interessati devono quindi prestare la massima attenzione per un problema certamente grave, destinato a suscitare non poca preoccupazione per la difettosità segnalata che è ancora più rischiosa se si pensa alle dimensioni e alla massa dei modelli che montano questi pneumatici.

Previous post

E-commerce, nel weekend prezzi più alti fino al 18%

Next post

L'Europa potrebbe bandire il glifosato dal 2018

The Author

redazione il Test

redazione il Test