News

Così Coca-Cola e Pepsi “addolciscono” gli scienziati in America

Quasi 100 tra autorità sanitarie statunitensi e gruppi di medici – tra cui l’American Heart Association, l’American Diabetes Association e il Centers for Disease Control and Prevention – godono di sponsorizzazioni da Coca-Cola Co. e PepsiCo. È quanto rivela un nuovo studio condotto da due ricercatori dell’Università di Boston finito sul Washington Post.
Inutile, forse aggiungere, che in questo modo i big dei soft drink “addolcivano” la politica attenuando gli effetti negativi sulla salute dello zucchero e delle bevande zuccherate, e rendendo molto vago il collegamento con l’aumento dei tassi di obesità.

Non abbiamo imparato nulla dallo scandalo di Big Tobacco

“Dopo molti anni la maggior parte delle organizzazioni rifiuta soldi dai big del tabacco,” scrivono gli autori dello studio, Daniel Aaron e Michael Siegel. E aggiungono: “Forse le aziende di soda devono essere trattate allo stesso modo”.

Gli autori hanno identificato 96 sponsorizzazioni, tra il 2011 e il 2015, da Coca-Cola o PepsiCo ad altrettante “organizzazioni sanitarie”. Durante questo periodo, hanno identificato 29 proposte pubbliche o regolamenti sanitari che hanno visto la contrarietà di una o di entrambi i big. Tutte, naturalmente, erano mirate a ridurre il consumo di bevande zuccherate.

“Siamo impegnati per una forte e sana America”

L’American Beverage Association, che rappresenta Coca-Cola e PepsiCo, ha risposto allo studio con una dichiarazione dicendo: “Le aziende di bevande degli Usa sono impegnate in questioni di salute pubblica, perché anche noi vogliamo una forte, sana America. Abbiamo una lunga tradizione di sostegno alle organizzazioni in tutto il paese. Dato che questo rapporto non fa che confermare. Alcune di queste organizzazioni si concentrano sul rafforzamento della sanità pubblica, che siamo orgogliosi di sostenere. ”
Lo studio ha definito particolarmente sorprendenti i finanziamenti all’American Heart Association e alla fondazione di ricerca sul diabete giovanile, dato il legame stabilito tra il diabete e consumo di soda.

I precedenti clamorosi

Lo studio segue un rapporto bomba di settembre che ha rivelato come l’industria dello zucchero, quasi 50 anni fa, ha esercitato una forte influenza sulla ricerca delle malattie cardiache finanziando scienziati di Harvard che hanno sostenuto come il colesterolo e i grassi saturi sono stati i principali colpevoli di malattie cardiache, e hanno minimizzato gli studi che suggerivano che lo zucchero giocasse un ruolo fondamentale.
Nel 2010, Save the Children, che era stato un forte sostenitore delle imposte sulle bevande gasate, ha smesso di sostenere la Sugar Tax dopo aver ricevuto una sovvenzione di 5 milioni di dollari da Coca-Cola.
 

Previous post

Concerto Coldplay, il Codacons denuncia TicketOne

Next post

Quanti bicchieri d'acqua al giorno per star bene? L'infografica

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili