News

Agos Ducato e quello spot che “spinge i bimbi al consumo ad ogni costo”

E’ giusto far credere ai bambini che il credito al consumo è la soluzione a tutti i mali? Fa discutere la pubblicità lanciata da Agos Ducato, una delle finanziarie più attive nel settore, che vede come protagonista un bambino che – bacchetta magica alla mano – invoca “Agos” ad ogni sciagura della famiglia. Cade un pensile della cucina? “Agos”. La moto del papà non da segni di vita? “Agos”. La sorella sogna un viaggio a Londra? “Agos”: tutti i guai magicamente si risolvono. Il bambino sorride soddisfatto e la routine familiare continua gioiosa come se i soldi per far fronte a questo e quello fosse possibile farli piovere dal cielo.

“E’ giusto convincere già i piccoli che se non si hanno abbastanza soldi Qualcuno li presterà?” si chiede una nostra lettrice che preoccupata ha inviato una lettera che ci ha obbligato ad una riflessione. Ne abbiamo parlato con Ruggero Francavilla, professore di pediatria all’Università degli studi di Bari, che ha commentato: “Un vero e proprio sovvertimento della realtà in cui si assiste ad un bambino che interpreta il mago responsabile delle fantastiche apparizioni e ai genitori che appaiono felici e rilassati. Il primo non pagherà mai il conto (e così potrebbero pensare i bambini) i secondi che  appaiono come i fruitori del regalo, lo pagheranno… con qualche piccolo interesse. Addio morale.”

Il professore non ha dubbi: quella reclame è fuorviante

Spiega Francavilla: “Mi ha fatto tristemente sorridere la visione della clip della Agos che mostra un bambino felicissimo di esaudire i desideri dei familiari, purtroppo non come potrebbe sembrare con una bacchetta magica ma con una bella apertura di una linea di credito”.

Il messaggio è fuoriante: “Sia come papà che come pediatra, trovo non educativo il messaggio che potrebbe derivare! Infatti, quello che sembra apparire per effetto di una magia, ha un costo reale da ripagare ed identificato proprio dalla parolina magica! Oggi viviamo in una società improntata al “consumo ad ogni costo” ed almeno i bambini dovrebbero essere protetti da falsi messaggi di facili traguardi. Favorendo l’idea che tutto si può ottenere con la facilità di una bacchettata magica si vanifica il tempo che molte famiglie spendono per trasmettere il valore da dare alle cose, per rendere consapevoli i propri figli che nulla si ottiene senza lavoro e fatica e che è ci sono priorità a cui affidare i propri desideri (laddove davvero qualcuno potesse esaudirli) che non sono televisori più grandi, motociclette moderne, cucine nuove o viaggi.

Previous post

Francia, Lidl: "Via gli oli minerali dalle confezioni". E in Italia?

Next post

Extravergine, il crollo della produzione spinge l'olio vecchio. Ecco come tutelarsi

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino