News

Frigoriferi classe A, ecco i meno energivori

A+, A++ o A+++? Scegliere un nuovo frigorifero assomiglia a un’equazione matematica, quando si parla di consumi energetici. Secondo la legge, la classe A è quella meno energivora e più segnali + ha accanto più conviene. Chiaramente, a maggiori prestazioni corrispondono anche prezzi più alti. Ma vale la pena spendere di più per il modello più prestante? A questa domanda prova a dare una risposta i portali idealo.it e Eurotopten.it che hanno condotto un’indagine sui prezzi e consumi dei modelli commercializzati sulla piattaforma di idealo.it. Un’analisi che prende in considerazione e incrocia i dati più importanti da considerare in caso di acquisto di un frigorifero, in primis il prezzo, ovviamente, e quindi l’efficienza energetica, ovvero il consumo di elettricità e la classe energetica. Da questo dato il portale ha misurato il costo in bolletta del frigorifero nell’arco di 15 anni di utilizzo, evidenziando un risparmio concreto per la classe più efficiente (A+++), che porta a un costo dimezzato rispetto alle meno efficienti (A++ e A+).

Ripagato in 4,5 anni

Secondo Idealo, il consumo di un frigo classe A+++ in 15 anni si aggira attorno ai 536 euro, ben 492 euro in meno della classe A+. Mentre, facendo un confronto tra la classe più efficiente (A+++) e le altre due classi (A++ e A+), idealo.it e eurotopten.it hanno calcolato i tempi di rientro dell’acquisto di un frigo in classe A+++: la differenza di prezzo tra il più efficiente e il meno efficiente tra i frigo in classe A, si ripaga in 4 anni e mezzo, mentre quella con la classe A+ in un solo anno.

La topten

Idealo e Eurotopten hanno anche stilato una classifica dei modelli venduti in Italia più convenienti dal punto di vista energetico. Il meno energivoro risulta essere il modello SCN91800C1 della Aeg (costo 1.300 euro) che consuma circa 455 euro in bolletta in 15 anni, seguito dal SCT91800S0 della stessa casa e dall’ART8814 della Whirlpool. I peggiori in efficienza, tra gli A+++ sono invece il Siemens KG49EBI40, il Whirlpool WBA 43983 NFC IX e il Liebherr KBPes3864 (costo 2.200 euro, a dimostrazione che il prezzo non corrisponde sempre a maggiori prestazioni).

Previous post

Volo cancellato, Iberia prova a non pagare ma...

Next post

DriveNow, il car sharing di lusso sbarca a Milano

The Author

Lorenzo Misuraca

Lorenzo Misuraca