CHIEDILO AL TEST

Il mistero della scatola blu del tonno Maruzzella

Buongiorno. Se possibile, vorrei sapere perché esistono 2 tipi di tonno Maruzzella in scatolette pressoché uguali, tranne per alcuni piccoli particolari. In un caso è chiaramente stampigliato il luogo di provenienza (Madagascar), sia sull’incarto esterno, sia sulle singole scatolette; nell’altro, più volte acquistato a un prezzo promozionale, non compare la zona di provenienza, né per esteso né sottoforma di codice FAO. Inoltre la stampigliatura della scadenza, etc… è stata fatta sul lato d’apertura, mentre sul lato opposto la scatoletta è colorata di blu. Infine il piccolo simbolo della coroncina, che compare sotto l’indicazione dell’origine, nel secondo caso non è affiancato dalla scritta “crown”.

Vi chiederei quindi se non ci sono dubbi sull’effettiva qualità del prodotto e, soprattutto, qual è la provenienza del Marruzzella “blu”. Grazie, saluti.

Ettore Vuono

 

I nostri lettori, non c’è alcun dubbio, sono consumatori molto attenti e giustamente curiosi. Sul mistero delle scatolette di tonno Maruzzella abbiamo chiesto spiegazioni alla casa madre, la Igino Mazzola Spa. Che così ci ha risposto

 

“Caro Test-Salvagente,

premesso che non esistono due tipi di Maruzzella possiamo assicurare che la qualità è sempre la stessa.
Per le scatolette che riportano stampato per esteso la provenienza si tratta di prodotto extra Cee come per esempio per l’ origine Madagascar.
Sul prodotto comunitario (Spagna) si indica con un bollino il numero della fabbrica e l’ iniziale del paese.
Per quanto riguarda la coroncina indica uno degli stabilimenti  che fornisce le scatole vuote.
Rimaniamo a  disposizione per qualsiasi chiarimento e porgiamo cordiali saluti.”

Francesca Villa

Ufficio commerciale

Igino Mazzola SpA

Previous post

Quando estendere la garanzia è una spesa inutile

Next post

Anemia, ritirato lotto del farmaco Hepafactor

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili