Provato per voi

Un raid antizanzare… troppo discreto

Inserirlo nella presa di corrente e dimenticarsi di averlo, garantendosi fino a 3 mesi di protezione dalle odiate zanzare: un’intera estate.
Liquido Advanced”, questo il nome dell’innovativo elettroemanatore, viene prodotto da Johnson, con Raid, uno dei noti brand della linea insetticidi.

L’oggetto può essere programmato, sia nel tempo che nell’intensità; e il programma impostato può ripetersi fino al totale esaurimento del liquido. Dunque questo dispositivo ci libera, totalmente, dal noioso atto di predisporre una barriera tra noi e il fastidioso dittero. Non dobbiamo più accendere “zampironi” e “fornelletti”, dimenticandoci del problema, completamente, anche perché l’emanazione è inodore.

Troppo discreto

raid tabGià, il prodotto è talmente discreto che neppure lo percepiamo, di conseguenza nella nostra casa si diffonde vapore di pralletrina (il principio attivo dell’insetticida) e neppure sappiamo che esista… Ma non è che ciò può rappresentare un rischio?
Vero è che è dotato di Led ma niente di più facile che dimenticarlo nascosto dietro a una poltrona…
Per farla breve, a noi pare che l’idea di non profumare il liquido sia una grave perdita di controllo del sistema: il rischio è che, non sapendo della sua attivazione, il vapore tossico possa raggiungere concentrazioni troppo elevate, in ambienti eventualmente chiusi, esponendo umani, magari bambini, a possibili intossicazioni…

Istruzioni sbagliate

Detto ciò, diamo uno sguardo al prodotto in sé. L’oggetto viene fornito in una scatola, sulla quale sono presenti istruzioni complete ma di non facile interpretazione, e neppure di agevole lettura (non tutti hanno una vista perfetta… un foglietto interno sarebbe stato certamente meglio); inoltre il volume dell’ambiente che verrebbe protetto appare errato: 20 metri cubi scrive l’azienda, probabilmente volendo indicare 20 metri quadrati. Altrimenti basterebbe per coprire solo una stanza quadrata di circa 2,7 m di lato, per 2,7 m di altezza. Un po’ poco… Nella confezione troviamo il dispositivo insieme al flacone del liquido (nel dosaggio “40 notti”, in Pet trasparente, per poterne controllare il livello); il flacone è chiuso – per norma – con un tappo a prova di bambino .
L’emanatore è dotato di un “cinematismo” (una cerniera, nel caso) che permette una rotazione di 90°, e quindi l’inserimento della spina in prese tanto verticali che orizzontali; questo dettaglio ha una certa importanza giacché, a causa del principio di funzionamento, il flacone deve permanere in posizione verticale; infatti la vaporizzazione avviene tramite uno stoppino rigido, integrato al flacone e immerso nel liquido, che viene riscaldato all’estremità superiore dal dispositivo (consumando 4,6 Wh).

Il cuore programmabile

Il cuore dell’oggetto – e dell’innovazione – è però rappresentato da“comandi” e “controlli” che consentono la programmazione. Un selettore permette di impostare il timer a 8h, 12h e 24h; un pulsante “ciclico” seleziona invece una delle tre possibili intensità, e comanda l’accensione e lo spegnimento; da questo punto di vista, fatta eccezione per l’intensità massima, è possibile programmare due diversi “profili” di potenza (“avvio rapido” e “smart”). Tre Led, con grafica analogica in rilievo (tre dischi di diametro proporzionale), consentono di controllare l’intensità selezionata, in modo permanente, nonché gli azionamenti, tramite lampeggiamenti e scorrimenti luminosi; l’inserimento dell’elettroemanatore nella presa determina l’avvio del temporizzatore. Avendo per esempio selezionato 8h alla massima intensità, inserendo l’emanatore nella presa alle undici 11 sera, si spegnerà alle 7 del mattino, per poi riaccendersi ancora – questa volta automaticamente – alle 11, fino a esaurimento del liquido, o alla disattivazione… semplice no? Con un po’ di allenamento…

Meglio “profumato”

Liquido Advanced viene venduto a circa 6 euro, insieme a un flacone da 40 notti; sono altresì disponibili confezioni di ricarica da 30, 60 e 90 notti, contenenti uno o due serbatoi, a prezzi variabili tra 4 e 7 euro (dove andranno a finire tutti questi flaconi, vuoti o con residui?); tra le ricariche ne figura anche una profumata con olio di eucalipto. Noi vi consigliamo quest’ultimo, se non altro perché è proprio la fragranza ad avvertirci che l’emanatore è in funzione (e magari a ricordarci di aprire le finestre).

Previous post

Il test francese: sostanze tossiche nei corredini scolastici

Next post

Bolletta telefonica troppo alta? Il modulo per contestarla

The Author

Sergio Antonio Salvi

Sergio Antonio Salvi