genitori&figli

Libri di testo, la mappa degli sconti

Qualcuno la chiama “occasione”, qualcuno preferisce definirla una “giungla”. Una cosa è certa: se fino a 10-15 anni fa le librerie tradizionali dovevano contendersi il mercato della cosiddetta scolastica solo con chi vendeva usato, adesso non è più così. Le offerte e le possibilità sono innumerevoli. E già dall’inizio dell’estate è possibile prenotare i testi che serviranno per il prossimo anno scolastico, scegliendo l’opzione che più si confà alle tasche e alle abitudini. Ogni anno il tetto di spesa dovrebbe essere stabilito dal Miur ma siccome ciò non accade dal 2012, per gli editori “il tetto non esiste” mentre le scuole si rifanno all’ultimo stabilito. Che, però, in molti istituti viene per forza di cose superato, grazie ai testi “consigliati” fuori dal listino “ufficiale”.

L’usato e gli sconti della Gdo

L’usato va ancora fortissimo ormai anche on line, sia su siti ad hoc come libraccio.it, buono-prezzo.it , libridea.it e cartaruga.it, sia su colossi come amazon.it e ibs.it.

Ma quando non si vuole l’usato o non è possibile acquistarlo perché l’edizione del libro è stata rinnovata e non è più esattamente la stessa, allora a farla da padrone è la grande distribuzione, con le super offerte di Conad, Coop ed Esselunga, che invitano ad acquistare nei loro punti vendita i libri in lista nella propria scuola proponendo uno sconto notevole (dal 15 al 25%) sulla spesa. Come dire di no in tempi di crisi…

I tetti di spesa del Miur non garantiscono nessuno

“È comprensibile che le famiglie optino per questa soluzione – commenta Cinzia Argellati della libreria Ubik di Bologna – ma la cosa incredibile è che lo Stato non intervenga con le leggi a regolamentare questo mercato che ormai non è più un business per nessuno, editori compresi”. In Francia, ad esempio, “il legislatore ha regolamentato gli sconti su Amazon, per salvaguardare le librerie”. In Italia tutto è possibile. “Noi acquistiamo la scolastica con sconti del 17-18%, pagando cash e applichiamo al cliente una riduzione del 10%, ma in questo modo, quello che diciamo sempre, è che il nostro guadagno sui libri di testo è solo sulle copertine pastificate che facciamo!”, spiega la libraia. Infatti, “calcolando le spese, visto che ci capita di andare nei magazzini anche due volte alla settimana per un solo testo, il guadagno non esiste…”. La scolastica resta una sorta di servizio verso il cliente, che speri di fidelizzare per poi augurarsi che torni in libreria per altri acquisti. “Negli anni ’90 lavoravo con un librario di Padova che trattava solo scolastica e che fatturava due miliardi delle vecchie lire, non applicando nessuno sconto: oggi quel librario è fallito”, racconta Argellati.

Insomma, secondo i librai, se lo Stato imponesse dei prezzi, forse le cose andrebbero meglio. Perché stabilire dei tetti di spesa non garantisce davvero quasi nessuno. E comunque non si tratta di cifre di poco conto. La spesa per le secondarie di primo grado va dai 294 euro del primo anno ai 132 del terzo; per le secondarie di secondo grado i costi più alti sono quelli richiesti dai listini dei licei, soprattutto per i primi tre anni di scuola, dove si arriva a 382 euro. Uno sforamento del 10% del tetto è consentito solo se adeguatamente motivato dal Collegio dei docenti e approvato dal Consiglio di istituto.

Insegna per insegna tutti gli sconti e le condizioni

CONAD

 Dal 1 giugno al 31 ottobre è possibile prenotare ed acquistare libri di testo (con Carta insieme gratuita) ei punti vendita aderenti. In alcuni casi è possibile prenotare anche on line. In cambio, Conad restituisce il 25% del costo in buoni (spendibili fino al 30 novembre 2016)

COOP

Le varie coop attuano promozioni leggermente diverse

Coop Alleanza: (anche testi universitari) 15 % per tutti i clienti, e in più, solo per i soci Coop Alleanza 3.0, un ulteriore buono sconto del 5% (se dopo 31 luglio) o del 10% (se entro 31 luglio), calcolato sull’importo pagato al momento del ritiro, al netto dello sconto già ottenuto.

Coop centro Italia: Fino al 17 settembre prenotazione libri di testo nuovi o usati ONLINE o punti vendita abilitati: se nuovi buono spesa del 10% e uno sconto aggiuntivo del 15% per i soci e del 10% per i non soci, sui libri di testo usati hai il 40% di sconto del prezzo di copertina 2016.

Coop Lombardia: dal 9 giugno al 30 settembre 2016 prenotazion, potrai ritirare i testi comodamente nel tuo negozio Coop fino al 29 ottobre. buono sconto del valore del 20% del prezzo di copertina per i soci; 10% per tutti.

 ESSELUNGA

Prenotazione on line libri di testo per i possessori di carta Fidaty (gratuita) o nei punti Fidaty. Sconto del 15% sul prezzo di copertina, oltre punti Fragola ( da accumulare sulla propria carta Fidaty). In più buoni Amici di Scuola 2016 (1 buono ogni 25 € spesi per l’acquisto di libri scolastici) da conservare e consegnare alla propria scuola a partire dall’8 settembre.

AUCHAN

Prenotazione libri di testo con La tua! Card (gratuita) entro 31 ottobre. Se fatta on line, buono spesa di 25%; se fatta in ipermercato buono spesa del 20% (valore del buono fino a 30 novembre)

CARREFOUR 

Prenotazione on line o nei punti vendita aderenti (con carta spesa Payback gratuita) e buono spesa pari al 20% del valore dei libri acquistati, utilizzabile fino al 29 novembre. Pagamento al ritiro comunicato via sms o email

SIMPLY

Prenotazione entro il 31 ottobre (anche universitari) e buono spesa pari al valore del 20% del prezzo di copertina e spendibile entro 30 giorni. Si paga al momento del ritiro comunicato via sms

PAM

Dal 6 giugno al 25 settembre, prenotazione libri di scuola da Pam e Panorama. Con Carta Per Te, sconto del 20% sul valore del libro e concorso per vincere biglietto per parchi divertimento (info anche app scaricabile)

 

 

Previous post

Solo lo 0,0025% di colesterolo? Exquisa smentita dall'Antitrust

Next post

Johnny fa tappa a Catania, un aiuto a risolvere le controversie quotidiane

The Author

Chiara Affronte

Chiara Affronte