Provato per voi

Provato per voi: i bastoncini da nordic walking Decathlon

Il Nordic walking è uno sport recente e in espansione. Di origine scandinava, da circa venti anni è riconosciuto come disciplina sportiva e oggi, anche nel nostro paese, diverse associazioni e scuole lo promuovono. Si tratta di una camminata asservita da una coppia di bastoncini che, di conseguenza, estendono la dinamica del movimento, accentuandola, a tutto il tronco e agli arti superiori. Paradossalmente questo modo di incedere è maggiormente dispendioso, in termini energetici, rispetto alla “camminata sportiva”, ma il coinvolgimento di pressoché tutto il “sistema osteomuscolare”, che produce molteplici benefici.

L’attrezzatura necessaria per praticare la “camminata nordica” negli anni si è fatta sempre più sofisticata e specifica, al punto tale che la scarpa, e soprattutto il bastoncino, vengono oggi studiati e prodotti con lo scopo di essere impiegati in modo esclusivo. Decathlon, col brand Newfeel, produce una linea completa di bastoncini, tra i quali Propulse Walk 900 rappresenta il top di gamma.

 

Il cuore in carbonio

Cuore del bastone è la sua struttura principale: un elemento tubolare, a profilo variabile – rastremato verso la punta -, che viene fabbricato in Nordik scheda“composito fibroso strutturale”. Il materiale sarebbe costituito, oltre che da una non dichiarata “resina” (sempre presente), per l’80% da fibra di carbonio e per il 20% da fibra di vetro (usiamo il condizionale poiché la grafica sul prodotto indica semplicemente “carbon 80%”); tipicamente il carbonio produce “rigidità”, mentre il “vetro” ha un effetto elasticizzante; il connubio, insieme all’implicita leggerezza del materiale composito, dovrebbe fornire all’atleta elevate prestazioni dinamiche. In un test sul campo, noi ne abbiamo certamente apprezzata la leggerezza; lasciamo tuttavia agli adepti della disciplina le valutazioni sportive.

L’impugnatura si compone di un elemento anatomico costruito integrando, al materiale polimerico termoplastico del corpo, parti in agglomerato legendagranulare di sughero che dovrebbe favorire l’evacuazione del sudore, rendendo più confortevole la “prensione”. Alla sommità dell’impugnatura è assemblato un dispositivo di sgancio a scatto trasparente (utile per permettere il “controllo” dello sgancio), comandato da un pulsante di rilascio (attivabile con la stessa mano), il cui scopo è il distacco della “dragona”, parte indispensabile dello strumento. La dragona, fornita in destra e sinistra, è una sorta di guanto col quale viene vincolato il polso dell’atleta, in modo tale che l’azione dell’arto possa essere esercitata soprattutto su questa appendice, senza che sia necessario mantenere la presa diretta sul bastone. La chiusura regolabile sul polso, attuata mediante un nastro in tessile di fissaggio “uncino-asola” (ai più noto per via dello storico marchio “Velcro”), permette inoltre un’ottima adattabilità.

 

Dettagli da specialisti

Il puntale è responsabile dello scarico al suolo dell’azione propulsiva, sicché forma e materiali impiegati rivestono una grande importanza. Anche in questo caso l’estremità è basata su di un corpo in polimero termoplastico stampato a iniezione, la cui geometria superiormente crea la forma della minimale “rondella” (la parte destinata a limitare l’affondamento), e inferiormente ospita, sovrastampato, un “arpione” – orientato in direzione del moto – fabbricato in carburo di tungsteno, materiale noto per le sue caratteristiche di durezza e di resistenza all’usura (è protetto da un cappuccio removibile in quanto tagliente; attenzione!). Il materiale è adatto a diversi tipi di suolo ma non ai terreni molto duri, come roccia, cemento, asfalto, giacché tende a far rimbalzare l’attrezzo, e a trasmettere fastidiose vibrazioni; di conseguenza Decathlon fornisce un indispensabile accessorio: un copri puntale, con effetto ammortizzante. Dettagli fanno ben intendere quanto un bastone di questo tipo non sia sostituibile da uno destinato a un impiego differente, come, per esempio, una racchetta da trekking…

Questo attrezzo – prodotto in Italia – viene venduto in coppia, con dragone destra e sinistra (in taglie proporzionate ai bastoncini), e copri puntali, in diverse misure, al prezzo di 55,99 euro.

 

Previous post

Cantone apre alla legalizzazione della Cannabis. Renzi lo seguirà?

Next post

Cosmetici poco sicuri, le falle del sistema Usa

The Author

Sergio Antonio Salvi

Sergio Antonio Salvi