News

Canone Rai, la bolletta si conserva per 10 anni

Il canone Rai nella bolletta elettrica cambia i tempi di conservazione delle fatture: da cinque a dieci anni. L’allungamento del periodo di prescrizione e’ dovuto al fatto che adesso la bolletta viene considerata un tributo. Per le bollette “normali” il tempo di conservazione resta invariato, 5 anni. Rispettare i tempi tecnici e’ molto importante per metterci al riparo dal rischio di pagare due volte (e per di più con sanzioni e interessi di mora) una stessa contravvenzione o una tassa e per avere la disponibilità immediata, se mai dovesse servire, di dare la prova di avere adempiuto a un dovere.

I consigli per non sbagliare

In via generale per non sbagliare nel difficile compito di conservazione di tutti i documenti, ecco qualche consiglio da tenere sempre a mente:

1. Scegliere un luogo specifico per conservare i documenti, che sia non alla portata di bambini e animali domestici; non cambiarlo e informarne tutti i membri della famiglia.

2. Fare la fotocopia o la scansione degli scontrini perché con il tempo tendono a sbiadire.

3. Suddividere i documenti per tipologia e per anno, riponendoli in apposite cartelle.

4. Se si riceve la bolletta elettronica per l’energia elettrica o il gas, è inutile stampare i documenti: questi saranno agevolmente conservati in un’apposita cartella sul computer, meglio ancora se caricata su qualche cloud. Non dimentichiamo però di dare nome e data ad ogni file.

 

Previous post

I 5 modi per farla pagare alla compagnia aerea

Next post

La fusione tra Dow e Dupont non piace alla Ue (e agli agricoltori)

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino