News

La valigia perfetta? Pronta in 10 mosse

Preparare le valigie – o per i più globetrotter, fare lo zaino – è spesso l’ultimo ostacolo da superare prima di partire per le agognate vacanze. Sbagliare è lecito – forse pure fin troppo semplice di fronte al dilemma di cosa portarsi dietro – ma un bagaglio “eccessivo” oltre a essere scomodo potrebbe zavorrare l’intera vacanza.

L’errore più comune è mettere in valigia abiti e accessori a caso, puntando soprattutto sulla quantità, anche se quasi sempre gran parte degli indumenti non verrà indossata. Niente di più sbagliato. La strada da seguire invece prevede da un lato un’attenta organizzazione e selezione del contenuto, fatto di pochi abiti e oggettiindispensabili, evitando tutto quello che è inutile o superfluo. Dall’altro, una serie di accorgimenti per ridurre gli ingombri e il peso finale del trolley, dello zaino o della valigia.

È evidente che non esiste una guida unica valida per tutti i viaggiatori e le possibili mete: chi si reca per una settimana in una località italiana o europea avrà bisogno di un bagaglio molto diverso da chi invece si sposta all’altra parte del mondo (in Sud America, per esempio, dove è inverno) e magari per un periodo più lungo.

Ecco allora un decalogo di consigli per il bagaglio perfetto.

1) Lista. Stilate una lista essenziale delle cose da portare (magliette, pantaloni, scarpe, prodotti, apparecchi elettronici, ecc…) che dovrà essere rispettata a ogni costo. Non cedete alla tentazione di inserire oggetti inutili o superflui o che si possono comprare sul posto.

2) Bagaglio. Scegliete una valigia o trolley semi-rigido (meno ingombrante di quelli rigidi) ma in caso di vacanze zaino in spalla è meglio optare per un prodotto specifico. Se viaggiate in aereo portare – se vi è sufficiente – solo il bagaglio a mano riduce i tempi di imbarco e di sbarco ed evita l’eventualità che venga smarrito. Le compagnie accettano bagagli a mano la cui misura complessiva (ovvero la somma di lunghezza, larghezza e altezza) non superi i 115 cm. Il peso massimo consentito invece oscilla in genere da 5 a 10 kg, in base al vettore. Se il bagaglio supera questo limite deve essere alleggerito in quanto non è previsto il pagamento per i kg in eccesso (valido solo per quelli imbarcati).

3) Magliette e pantaloni. Selezionate i vestiti per creare 2 accoppiamenti di colori. Limitate il più possibile il numero degli indumenti tenendo conto anche di quelli da indossare durante il viaggio. Prendete in considerazione di lavarli a mano o in una lavanderia a gettoni, presenti praticamente dappertutto. Meglio optare per abiti di tipo sintetico, perché sono più leggeri e asciugano più in fretta rispetto a quelli in tessuto naturale (cotone, lino ecc). Le magliette vanno arrotolate o piegate a pacchettino per occupare meno spazio.

4) Creme e prodotti. Riversate il contenuto di creme e prodotti di bellezza in contenitori di plastica. Così facendo si riduce il peso finale del bagaglio. In alternativa procurarsi il necessario in formato di tubetti o stick campione, più leggeri e con la giusta quantità da usare durante il soggiorno. Ricordate che creme e fluidi non possono essere imbarcati come bagaglio a mano.

5) Scarpe. Se ci si reca in un posto caldo, sono consigliati un paio di scarpe aperte e un paio di scarpe chiuse da riempire con calzini e altri piccoli oggetti per ottimizzare lo spazio.

6) Souvenir. Se amate i souvenir non partite col bagaglio pieno al massimo, ma lasciate uno spazio vuoto per gli oggetti da comprare sul posto.

7) Sicurezza. Utilizzare un lucchetto aumenta, almeno sulla carta, la protezione del bagaglio, ma se si viaggia in aereo c’è il rischio che possa incastrarsi nei rulli che smistano i bagagli bloccandone l’imbarco. Fatelo presente in aeroporto.

8) Salute. Portate, nella giusta quantità, cerotti e medicinali (aspirine, anti-diarroico, anti-dolorifico, ecc…) per le piccole emergenze, ma solo nelle bustine già spacchettate.

9) Extra. L’utilità di piccoli oggetti considerati extra dipende dal tipo di viaggio che ci si appresta a compiere (la lista potrebbe essere infinita). Se prevedete di lavare a mano qualche indumento, filo da bucato e mollette saranno indispensabili. Allo stesso modo vi saranno utili ago e filo per riattaccare un bottone, o la torcia elettrica se andate in campeggio.

10) Peso. Per ridurre il peso del bagaglio in aereo, alla partenza indossate indumenti (giacche, pantaloni, bermuda) con molte tasche per poterle riempire. Una volta completato il bagaglio, cioè prima di imbarcarlo, ricordate sempre di pesarlo su una bilancia per controllare che sia in linea con gli standard previsti dalla compagnia con cui volate.

Previous post

Overbooking, la Tropea Mar lascia a terra oltre 100 passeggeri

Next post

La tua spiaggia è inquinata? Controlla subito

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino