News

Reclami, la classifica delle compagnie aeree più vicine ai passeggeri

Assieme alle vacanze estive arrivano anche i disservizi con le compagnie aeree. Perdita di bagagli, voli in ritardo o cancellati del tutto, “ostacoli” durante il viaggio, la lista è lunga e altrettanto lunghe sono le varie trafile da seguire per avere un rimborso o un risarcimento per il danno subito. Ma anche da questo punto di vista, non tutte le compagnie sono uguali. Nel numero di agosto, il Test Salvagente, con l’aiuto dei dati raccolti da Rimborsoalvolo.it, portale di assistenza legale per i viaggiatori danneggiati, ha calcolato le compagnie più “customer friendly” per risposta ai reclami. Il vettore che può vantare il numero più alto di pratiche seguite da Rimborsoalvolo.it, concluse con transazioni favorevoli per il viaggiatore, è Lufthansa con il 100% di casi. Viene seguito a breve distanza da Alitalia con il 97% di reclami portati a buon fine, Volotea e Meridiana (94%). Restano a metà classifica gli assi del low cost, Ryanair, Vueling e EasyJet, mentre la peggiore compagnia in assoluto è la portoghese Tap che risolve soltanto il 40% dei casi a favore del viaggiatore, preceduta da Iberia, American Airlines e British Airways.

Vueling, record di reclami

Se invece si prende in considerazione il numero di reclami in proporzione al volume di traffico in Italia, utile a capire quale compagnia tende a creare meno inconvenienti al viaggiatore, vediamo che la maglia nera va alla Vueling, che secondo Rimborsialvolo.it, nello scorso anno ha ricevuto 52 reclami per milione di passeggeri, seguita da American Airlines (24) e Iberia (21). Ottimo risultato invece per Alitalia, con 3 reclami per milione di clienti, seguita da Lufhtansa (4) e da Ryanair e British Airways (5). Fortunatamente, in genere, reclamare per vedere i propri diritti rispettati, invece di lasciar correre, funziona: ben il 72,5% delle pratiche di reclami prese in carico dai legali di Rimborsoalvolo.it hanno avuto un esito positivo.

Le compagnie aeree più vicine ai passeggeri

Previous post

Il grano italiano? Niente scuse: è ottimo per qualità e basterebbe per la nostra pasta

Next post

Alta Velocità, abbonamenti al capolinea

The Author

Lorenzo Misuraca

Lorenzo Misuraca