News

Dopo il glifosato, Xtend. E Monsanto mette in ginocchio la soia Usa

“Quando Tom Barber, uno scienziato dell’Università di Arkansas che studia le erbacce, si spinge per le strade di campagna dell’Arkansas orientale in questa estate, il suo occhio allenato individua subito il danno: foglie di soia contorte in maniera emblematica.
E non è un caso isolato, l’immagine si ripete campo dopo campo. Danni simili in Tennessee e nel Missouri interessano decine di migliaia di acri. Ma non si tratta di un fenomeno naturale o di una malattia. È quasi certamente il risultato di un crimine. Le foglie sfigurate sono la prova che un agricoltore confinante ha spruzzato un erbicida chiamato Dicamba, probabilmente in violazione della legge”.
Inizia così una dolorosa cronaca di Dan Charles pubblicata da Npr, network indipendente di 900 radio Usa che accusa Monsanto, almeno indirettamente,di questo “crimine”.

La nuova soia Ogm Monsanto

Perché Monsanto? Semplice, perche il big dei pesticidi (e degli Ogm) ha lanciato, quest’anno, una versione aggiornata dei suoi semi di soia resistenti agli erbicidi. Questa nuova versione, che la Monsanto chiama “Xtend” non è solo progettata per sopportare spruzzi di glifosato, alias Roundup. È anche immune al Dicamba.
Dicamba è un erbicida noto da decenni: si vaporizza rapidamente e va “dove lo porta il vento”. Ed è particolarmente tossico per i semi di soia, anche a concentrazioni ridicolmente basse.
I danni da pesticidi alla deriva sono familiari agli agricoltori. Ma la peste di quest’anno è senza precedenti. “Non ho mai visto nulla di simile prima”, dice Bob Scott , uno specialista di erbe infestanti presso la University of Arkansas a Dan Charles. “Questa è una situazione unica che la Monsanto ha creato” conclude.

Un passo avanti e due indietro

Monsanto ha brevettato soia e cotone Dicamba-resistenti nel tentativo di rimanere un passo avanti rispetto alle erbacce. La strategia di piantare colture Roundup-resistenti e spruzzare Roundup per uccidere le erbacce non funziona più così bene, perché gli infestanti si sono evoluti sviluppando resistenza al glifosato. Allora ecco la soluzione della multinazionale: l’aggiunta di geni per la resistenza al dicamba.

Scrive Dam Charles: “C’era solo un intoppo nel piano. Un grande intoppo, come si è scoperto. L’Environmental Protection Agency non ha ancora approvato il nuovo diserbante dicamba che la Monsanto ha creato. La nuova formulazione, secondo la Monsanto, è stata formulata in modo da non vaporizzarsi facilmente, e non danneggiare colture confinanti. Se l’EPA approverà il nuovo erbicida, potrà imporre restrizioni su come e quando può essere usato”.
La Monsanto, però, è andata avanti e ha iniziato a vendere i suoi semi di soia Xtend. Monsanto dice che lo ha fatto perché questi semi non erano solo resistenti alla dicamba; hanno anche offerto rendimenti più elevati, che gli agricoltori volevano.

In una e-mail, Phil Miller, vice presidente della Monsanto per le questioni regolamentari e governative a livello mondiale, ha scritto che “c’è un incredibile valore nella tecnologia Xtend indipendente dalle applicazioni degli erbicidi: c’è grande richiesta di forte prestazione nella resa”. Monsanto spiega che ha anche chiarito agli agricoltori che non erano autorizzati a spruzzare dicamba su questi semi. Cosa che non tutti sembrano aver capito.

A pagare (anche) gli agricoltori

C’è una finale e, per gli agricoltori, sgradito. Se non riescono a limitare i danni collaterali di dicamba, e iniziano ad usarlo ampiamente, ci sono nuove prove che la sostanza chimica può rapidamente diventare inefficace. È quanto ha provato Jason Norsworthy, un esperto di infestanti presso l’Università di Arkansas, che dopo l’uso su sole tre generazioni di infestanti, ha trovato infestanti che erano in grado di sopravvivere al pieno dosaggio di dicamba. Molto probabilmente, lo stesso processo si sarebbe verificato piuttosto rapidamente in condizioni di campo, lasciando gli agricoltori ancora una volta disperata ricerca di una nuova soluzione al loro problema.

Previous post

Barilla in tribunale negli Usa: "inganna i clienti"

Next post

Canone Rai, finalmente arrivano istruzioni e modulo per il rimborso

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili