News

Smartphone, 4G a pagamento. Ad agosto parte Tre con 1 euro al mese

Dopo gli aumenti annunciati a partire da agosto da Tim, anche H3g annuncia un rincaro per i suoi utenti. Dal 29 agosto, infatti, il gestore telefonico chiederà a tutti gli utenti in possesso dell’opzione 4G Lte 1 euro al mese in più. La notizia è arrivata tramite sms ai clienti Tre, assieme alla specificazione: “Puoi disattivarla gratuitamente entro il 22/8. Info su tre.it/lte”. L’opzione 4G Lte, inizialmente a pagamento e poi resa gratuita, è rivolta a chi è in possesso di uno smartphone di ultima generazione, adatto a ricevere e trasmettere dati con questo formato, che permette una navigazione internet e un download di video e immagini molto più veloce. 1 uero al mese non è un aumento da poco, se si considera ad esempio i piani tariffari per abbonamento: nel caso ad esempio di “Super internet plus”, 5 euro al mese, l’obolo per il 4G corrisponderà a un aumento del 20%, mentre per Web night&day, a un 5%.

Anche Tim aumenta ad agosto

Nella pagina dedicata al nuovo costo aggiuntivo, l’azienda specifica che si tratta di un cambiamento operato “nell’ambito dell’evoluzione della struttura economica dell’offerta dei servizi digitali di 3”.  Qualsiasi cosa significhi questa spiegazione, la scelta di Tre potrebbe essere seguita a breve dai concorrenti, Wind, Vodafone e Tim. Quest’ultima ha già annunciato che dal prossimo mese  su diversi piani tariffari Adsl verranno effettuati degli aumenti generalizzati, con incrementi fino a oltre l’8%. Fortunatamente, i clienti che non vogliono aderire agli aumenti possono liberamente e gratuitamente recedere. Nel caso del 4G Lte di Tre è possibile prenotare la disattivazione gratuita dell’opzione 4G LTE mediante l’invio entro il 22 agosto di un SMS scrivendo NO al numero 4139. Nel caso degli aumenti generalizzati di Tim,  potranno recedere dal Contratto entro il 31 Luglio 2016, anche passando ad altro operatore, senza costi di disattivazione o penali, inviando una richiesta di recesso scritta e fotocopia del  documento di identità, all’indirizzo postale indicato nella Fattura, oppure via fax al numero gratuito 800.000.187.

 

Previous post

Un medico nei paraggi? Lo trova un'App

Next post

Ecco le 6 alternative al glutine più sane

The Author

redazione il Test

redazione il Test