News

Viravox, la piattaforma di campagne social che paga gli utenti

Non è solo un bisogno di popolarità a spingere gli utenti dei social network a postare video, foto, status nella speranza di diventare delle star 2.0. Gli youtuber più famosi possono contare anche su decine di milioni di visualizzazioni, che non solo si trasformano in soldi tramite le pubblicità del sito, ma vengono ingaggiati per fare da testimonial a prodotti di tutti i tipi, dai capi di abbigliamento ai nuovi videogiochi in uscita. Un dorato mondo di fama e denaro che taglia fuori i tantissimi che pur avendo un seguito sui social non arrivano a quei livelli di popolarità. Per loro esiste un altro modo di mettere a frutto le proprie condivisioni, e passa per Viravox, la piattaforma realizzata da Atomic Media, che consente alle aziende di creare campagne di pubblicità sui social retribuendo in euro quando l’utente compie azioni su Twitter o condivide un link, qualsiasi esso sia, ovunque: Facebook, Linkedin, Email, Sms, Whatsapp.
“La nuova piattaforma – dichiarano i creatori di Viravox – consente alle aziende di valorizzare al meglio il rapporto di fiducia tra gli utenti social per ottenere un ascolto mirato dei propri contenuti e realizzare una viralizzazione della propria campagna. Il passaparola dei contenuti commerciali diventa così conveniente anche per gli utenti che, continuando comunque a diffondere notizie in linea con i propri interessi, vedono premiata la loro capacità comunicativa sui social”.

Come funziona per l’utente

Chi condivide è considerato da Viravox ambassador di queste aziende presso la propria sfera d’influenza. La retribuzione per condivisione di un link ed ogni azione su Twitter incentiva la diffusione dei contenuti. Per partecipare alla piattaforma, l’utente deve creare un account su www.Viravox.com registrandosi con l’email o associando i propri account Twitter (uno o più di uno). Viravox analizza l’autenticità dei profili e ne valuta il valore in euro della capacità di influenza dell’account in base a tre criteri: livello di anzianità, livello minimo di follower, attività effettuate. Il valore che verrà corrisposto per singola azione di condivisione può variare, in base alla valutazione, da centesimi di euro ad alcuni euro. Vengono poi selezionate le aree tematiche che consentiranno di visualizzare solo contenuti di proprio interesse (Arte e cultura, Cinema e TV, Enogastronomia, Eventi, Lavoro, Moda, Musica, Politica, Salute e benessere, Sport, Tecnologia, Viaggi) e la propria dashboard sarà pronta. Ogni giorno Viravox propone una serie di contenuti che l’utente può scegliere o meno di condividere. Quando l’utente dà visibilità a un contenuto, viene accreditato il valore della condivisione nel suo borsellino virtuale. Una volta raggiunti i 50 euro, l’importo viene versato nel proprio conto. In alternativa, l’importo può essere riutilizzato per una campagna social su Viravox.

I vantaggi per le aziende

Le aziende possono creare: la campagna Link per indirizzare l’utente ad una specifica pagina di un sito, con utenti reali al 100% e un dato di traffico riscontrabile, in media, al 98%; la Campagna retweet, per invitare gli utenti a ricondividere il contenuto; la Campagna like, per proporre l’aggiunta della propria pagina tra i preferiti; la Campagna follow, attraverso cui l’azienda può acquisire nuovi follower. La durata del budget delle aziende dipende esclusivamente dal numero di interazioni: ad ogni azione dell’utente viene scalato il relativo importo dal budget. Le aziende possono decidere inoltre di fissare una data di termine per la campagna oppure di interrompere l’iniziativa in qualsiasi momento. Se la campagna dovesse concludersi prima dell’esaurimento del budget oppure venisse annullata da chi ha fatto l’inserzione, l’importo residuo (e non consumato) viene restituito. La piattaforma fornisce poi un monitoraggio dei risultati e un costante supporto tecnico attraverso una chat accessibile dalla piattaforma oppure tramite l’indirizzo e-mail [email protected].

 

 

Previous post

Ogm, Commissione Ue autorizza nuovi semi di soia

Next post

Non avete una gallina in casa? Allora vi serve il Test-Salvagente

The Author

redazione il Test

redazione il Test