News

Canone, come volevasi dimostrare: ecco le “bollette pazze”

Arrivate le bollette pazze sul canone Rai: consumatori che hanno regolarmente inviato la dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione e che si sono ritrovati ugualmente l’importo di 70 euro.
“Non era difficile prevedere che qualcosa si sarebbe inceppato. Consumatori che hanno dichiarato di non avere la tv o che il canone andava pagato su un’altra utenza elettrica, si sono ritrovati, rispettivamente, uno e due canoni Rai in bolletta” afferma Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Ci sono anche persone che non hanno dichiarato nulla, dato che hanno la tv e sapevano di dover pagare, ma che non hanno ricevuto nella bolletta di luglio i 70 euro del canone e che ora ci chiedono cosa devono fare” prosegue Dona.
“L’Agenzia delle entrate ha tempo fino al 4 agosto per emanare il provvedimento sui rimborsi. Ma le bollette di luglio stanno ormai per scadere. Nessuno ha ancora spiegato ai contribuenti, una volta sospesa la domiciliazione di tutta la bolletta e pagata la sola luce, cosa devono fare per contestare l’addebito senza incorrere in problemi. Non è accettabile che si debba pagare e poi chiedere il rimborso, riavendo i soldi non si sa quando” conclude Dona.

L’Unione Nazionale Consumatori ricorda quello che per il momento è noto:

Canone Rai

Previous post

Uno contro Zero: i negozi sono pronti al ritiro gratuito del vecchio telefonino?

Next post

Pacchetti vacanza. Fallisce il primo tour operator senza fondo di garanzia

The Author

Anna Gabriela Pulce

Anna Gabriela Pulce