News

Uno studio smentisce le diete miracolose: impossibile perdere più di 1 kg al mese

Inutile vantarsi con gli amici di aver perso tre chili in due settimane. Con molta probabilità, è una vittoria di pirro, e i chili torneranno in fretta. A sostenerlo è uno studio condotto da un ricercatore Juan Del Coso presso l’Università Camilo Jose Cela di Madrid, pubblicato sul British Journal of Clinical Pharmacology ,che  ha smentito i sostenitori della “dieta miracolosa”. In particolare, il documento ha analizzato il ruolo della sinefrina nel bruciare i grassi a riposo e durante l’esercizio. Questo alcaloide si trova in natura (anche se in bassa concentrazione) in agrumi, come arancia, mandarino o pompelmo, e commercializzato come estratto di arancia amara. A causa della sua somiglianza chimica con l’efedrina, uno stimolante del sistema nervoso, e all’attivazione che questa sostanza produce sui recettori adrenergici 3, è diventato un integratore dietetico molto usato nei prodotti utilizzati per la perdita di peso .

Il ruolo della sinefrina

L’obiettivo della ricerca è stato quello di determinare gli effetti di assunzione acuta di 3 milligrammi di sinefrina per chilogrammo di massa corporea nel metabolismo energetico e dei tassi di ossidazione dei grassi e carboidrati a riposo e durante il esercizio. Il risultato della ricerca dimostra che la sinefrina ha aumentato la capacità massima degli individui di bruciare il grasso, ma non ha cambiato l’intensità del risultato, perché al contempo h ridotto l’ossidazione dei carboidrati a bassa intensità e moderata. Lo studio, che ha preso in considerazione lo sforzo dei ciclisti dice che, nella migliore delle ipotesi, un individuo potrebbe bruciare 42 grammi di grasso dopo un’ora di esercizio. Il che significa, secondo Del Coso, che i cambiamenti che si registrano all’inizio delle “diete miracolose” sono dovuti soprattutto a perdita di liquidi e non di peso, che si tenderà a recuperare in poco tempo. La perdita realistica di grassi effettivi con allenamento viene giudicata dallo studioso 200-300 grammi a settimana o poco più di un chilogrammo al mese.

Previous post

Wind fattura ogni 28 giorni e la bolletta aumenta

Next post

Vaccini e sanzioni: la caccia alle streghe non è la cura

The Author

Lorenzo Misuraca

Lorenzo Misuraca