News

Usa, gli Ogm in etichetta silurati dalla legge delle Corporation

Le corporation che utilizzano Ogm le stanno provando tutte per sgonfiare la legge dello stato americano del Vermont che dal 1 luglio obbliga i produttori a indicarlo in etichetta. Una legge che potrebbe fare scuola a livello nazionale, a cui adesso viene opposta il tentativo  di sostituire alla frase un più criptico codice. La legge del Vermont richiede infatti che molti alimenti contenenti ingredienti con organismi geneticamente modificati includano la semplice dichiarazione: “parzialmente prodotta con l’ingegneria genetica”. Tuttavia, appena pochi giorni prima che regola entrasse in vigore, i senatori Pat Roberts e Debbie Stabenow  – che, come riporta il portale Consumerist, hanno ricevuto un totale di più di  2,1 milioni di contributi elettorali  da parte dell’industria agroalimentare – hanno depositato una legislazione di “compromesso” che come scopo apparente la creazione (nel giro di alcuni anni)  di uno standard di etichettatura nazionale, ma che ha l’effetto immediato di mettere fuori legge le norme di etichettatura del Vermont.

L’iter velocizzato per bloccare il Vermont

Per saltare il normale iter di discussione parlamentare della legge, i proponenti hanno usato delle strategie burocratiche poco ortodosse per arrivare in breve al voto in Aula, dove è stato approvato e adesso sta sulla scrivania di Obama in attesa di essere convalidato. Oltre a bandire le regole del Vermont – che avevano portato aziende come Campbell Soup, Mars Inc., PepsiCo, Nestlé e General Mills ad iniziare a etichettare i propri prodotti a livello nazionale – il disegno di legge Roberts / Stabenow indirizzerà il Ministro dell’Agricoltura nello stabilire uno standard di etichettatura nazionale, si pensa nel giro di due giorni. Secondo il testo del disegno di legge, i produttori alimentari non avrebbero in realtà bisogno di rivelare gli ingredienti frutto di ingegneria genetica sul loro imballaggio. Invece, verrebbe permesso di stampare semplicemente un indirizzo web dove i clienti possano ottenere maggiori informazioni. L’opzione meno trasparente implica l’uso di codici a barre che il cliente dovrebbe sottoporre a scansione per essere reindirizzato al sito.Prima che il Senato votasse il disegno di legge, la Fda, l’agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, aveva avvertito i promotori che il testo sembrava aprire diverse scappatoie, consentendo di alcuni ingredienti di evitare l’etichettatura di Ogm. Ad esempio, il testo dice che i prodotti alimentari che ricevono queste etichette devono contenere materiale genetico. Ciò sembrerebbe lasciare fuori i prodotti come gli oli, amidi e proteine purificate anche se sono stati prodotti da colture geneticamente modificate.Il disegno di legge dice anche che un ingredienti  possa essere etichettato come geneticamente modificato solo se la modifica ottenuta non potrebbe essere avvenuta attraverso la “selezione convenzionale.”

Le risposte di Pepsi, Mars e Nestlé

Gruppi come il Centro per la sicurezza alimentare e la Rainbow Push Coalition hanno già chiesto al Presidente Obama di porre il veto alla legislazione. “La spinta principale della legge sull’etichettatura degli Ogm è di affidarsi a codici Qr che gli acquirenti dovranno esplorare per ottenere informazioni sui prodotti transgenici”, scrive il reverendo Jesse Jackson, fondatore della Rainbow Push Coalition , in una lettera al presidente. “Peccato che 100 milioni di americani, molti dei quali poveri, persone di colore e anziani o non possiedono uno smartphone o un iPhone per la scansione del codice Qr o vivono in una zona povera di connettività internet”. Tuttavia, a meno di un veto presidenziale, la legge di etichettatura del Vermont sembra destinata a una breve durata. Consumistica ha raggiunto fuori ad un certo numero di aziende che hanno fatto il cambiamento di etichettatura a livello nazionale in anticipo rispetto alle regole del Vermont per vedere se cesseranno di stampare queste informazioni devono il disegno di legge nazionale, essere firmato dal presidente Obama. Raggiunte da Consumerist, le maggiori aziende che avevano già cominciato a ri-etichettare i propri prodotti, hanno risposto sulla possibilità di tornare immediatamente sui loro passi o meno: Mars e Campbell Soup hanno affermato che continueranno a etichettare con le norme del Vermont fino a maggior chiarezza sulla nuova legge, Nestlé e General Mills non si sono espressi in maniera definita, mentre Pepsico non ha risposto. Poche settimane prima, invece, Coca Cola aveva dichiarato che avrebbe potuto ritirare alcuni prodotti dal Vermont piuttosto che cambiare le etichette.

Previous post

Barilla, maxi ritiro del PanBauletto per frammenti di metallo

Next post

Prescrizioni mediche, l'appropriatezza diventa "soft"

The Author

Lorenzo Misuraca

Lorenzo Misuraca