News

Dichiarare gli Ogm? Negli Usa Coca-Cola preferisce non vendere

Dichiarare gli ingredienti geneticamente modificati in etichetta? Meglio di no. A costo di non vendere i prodotti che li contengono.
È quanto ha pensato la Coca-Cola che ha annunciato come alcuni prodotti potrebbero essere temporaneamente non disponibili nei negozi del Vermont dal 1° luglio, data in cui è entrata in vigore la legge che obbliga a dichiarare i transgenici contenuti negli alimenti.
Il Vermont è stato il primo Stato degli Usa ad approvare una legge del genere e molti big come Pepsi, General Mill, Kellogg e Campbell hanno dovuto già correggere, malvolentieri, le proprie etichette e dichiarare gli ingredienti biotech.
Il portavoce di Coca-Cola, Ben Sheidler, ha spiegato la scelta come conseguenza di scelte economiche: ”Per evitare troppe modifiche di etichettatura, alcune produzioni di volume inferiore che offriamo all’interno del nostro ampio portafoglio potrebbero essere temporaneamente non disponibili nel Vermont”.

Previous post

Italcheck, un'app per scovare il falso made in Italy

Next post

Pompa di calore: quando conviene?

The Author

Roberto Quintavalle

Roberto Quintavalle