genitori&figliNews

Solari per bambini, i migliori e quelli da evitare

Che una buona crema solare sia indispensabile al mare per i bambini (e non solo, ovviamente) è cosa nota.
Che, il solare andrebbe scelto con cura, invece, è cosa per nulla scontata.

Dal 2007, ogni anno l’Environmental working group pubblica una guida ai prodotti solari. Quest’anno sono 750, tra creme protettive e doposole per adulti e bambini, quelli analizzati e valutati sia dal punto di vista della formulazione che dell’efficacia protettiva. I nomi dei più importanti brand del settore ci sono tutti e se anche la composizione tra mercato Usa e mercato Ue è leggermente diversa, non è mai tale da stravolgere l’identità del prodotto.
Alcune delle conclusioni cui giunge la Ong americana valgono anche per orientare le nostre scelte d’acquisto. Innanzitutto è meglio evitare i prodotti che contengono oxybenzone (indicato anche come benzofenone 3), un filtro chimico fortemente allergizzante e potenziale distruttore endocrino. Stessa prudenza merita anche il retinyl palmitate accusato di accelerare lo sviluppo di tumori cutanei e lesioni.

Inoltre una buona crema solare, scrive l’Ewg, deve contenere sia filtri UVB che UVA: nel corso degli ultimi dieci anni, infatti, dermatologi e ricercatori hanno concluso che per prevenire il cancro alla pelle è necessario proteggere quest’ultima non solo dalle scottature ma anche dai raggi UVA.
Ultima indicazione sulla versione spray: se è vero che la gran parte dei solari, soprattutto quelli dedicati ai bambini, sono venduti in confezione a spruzzo è anche vero che questa scelta pone non pochi dubbi in merito alla sua sicurezza.

I MIGLIORI

Nella lista Ewg delle creme per bambini abbiamo scelto i due prodotti migliori più facili da trovare nel nostro paese. Vediamo i risultati.

AVENO BABY

avenoQuesto prodotto, spiega l’Ewg  è il migliore per la protezione solare.

Fornisce una protezione UVA buona e un equilibrio moderato di protezione UVA in relazione all’indice di protezione solare (SPF).
Gli ingredienti rappresentano un problema di salute moderato.

 

 

MUSTELAMustela

Anche in questo caso si tratta di uno dei migliori protettivi.
Fornisce una protezione UVA moderata e un equilibrio moderato di protezione UVA in relazione al SPF.
L’impatto degli ingredienti sulla salute è decisamente basso.

 

I PEGGIORI

Nella famiglia dei bocciati dall’Ewg abbiamo scelto due creme diffuse in Italia. Vediamole assieme ai giudizi dell’Ong americana.

COPPERTONE

coppertone1Nel complesso questo prodotto viene definito “una cattiva scelta per la protezione solare”.
Sulla base della comparazione questo prodotto fornisce una protezione UVA moderata e un equilibrio moderato di protezione UVA in relazione al SPF.
I valori superiori a 50 SPF offrono un falso senso di sicurezza.
Contiene oxybenzone, un ormone che può produrre danni per la salute del bambino.
Contiene palmitato, che può danneggiare la pelle esposta al sole.
Gli ingredienti di questo prodotto costituiscono un problema di salute moderato.

 

NEUTROGENA

neutrogenaNel complesso questo prodotto esce male dal confronto ed è definito “una cattiva scelta per la protezione solare”.
Sulla base della comparazione questo prodotto fornisce una protezione UVA moderata e un equilibrio moderato di protezione UVA in relazione al SPF.
La formulazione spray non è indicata per i bambini, dato che facilita l’inalazione.
I valori superiori a 50 SPF offrono un falso senso di sicurezza.
Contiene oxybenzone, un ormone che può produrre danni per la salute del bambino.
Contiene palmitato, che può danneggiare la pelle esposta al sole.
Gli ingredienti di questo prodotto costituiscono un problema di salute alto.

Previous post

Greenpeace: "L'olio di palma sostenibile è un bluff"

Next post

Ritirata la spazzola elettrica Vidal Sassoon

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino