News

Smart tv, ultraHd, Oled… quale schermo per i prossimi europei?

Con l’avvicinarsi dei grandi eventi sportivi, le offerte delle grandi superfici si fanno più calde. E così, a giudicare dai dépliant e dalle pubblicità, gli Europei di calcio di Francia sono uno dei trampolini per vendere nuovi schermi piatti.

Quali scegliere e come non farsi abbindolare dalla prima promozione che ci capita? Proviamo a fare il punto sulle tre tecnologie che la fanno da padrone in questo periodo. Con un’avvertenza: attenti al decoder. Anche l’Italia ha adottato la piattaforma per il digitale DVB-T2 con la codifica HEVC che consente un risparmio di banda utile per veicolare le trasmissioni in 4K/Ultra HD. Da luglio i negozi dovrebbero vendere solo apparecchi con decoder dotati di questa tecnologia, dunque controllate attentamente che il vostro schermo sia tra questi.

UltraHd

Sono tra i migliori per definizione: gli  schermi ad alta definizione, o 4K. L’ultima frontiera della visione domestica, dopo la Hd, la Full Hd e la 3D è oramai arrivata a prezzi “umani” e dunque vale la pena di farci un pensierino. Con una risoluzione di 3840×2160 pixel, quattro volte quella dell’alta definizione, questi schermi sono pronti per accogliere segnali di qualità all’altezza. Peccato che ancora le trasmissioni con una tale definizione non siano moltissime. Ma si stanno intensificando su tutte le reti principali e anche nel blue ray stanno diventando lo standard.

Oled

Sono un’ulteriore evoluzione degli UltraHd basata sulla generazione dei segnali luminosi a diodi. L’acronimo, infatti, sta per Organic light emitting diode ovvero diodo organico a emissione di luce. Scartata la retroilluminazione dello schermo tipica degli schermi a Led, questa soluzione apporta miglioramenti sensibili alla qualità delle immagini. La gamma dei colori più ampia include livelli di intensità del nero e tonalità irraggiungibili dai pannelli a Led. Permette inoltre di realizzare schermi flessibili: una possibilità celebrata con la curvatura dei monitor, che però sembra essenzialmente un plus senza valenza aggiuntativa oltre a quella estetica. E che ostacola la possibilità di appendere il mega tv al muro.

Smart tv

Youtube, canali on demand delle pay tv, film in streaming, piattaforme web molto ricche come vvvvid… Oramai tv e pc debbono colloquiare sempre più spesso. A meno di avere un grande schermo che faccia tutto da solo. Comodo, senza dubbio, soprattutto se prevede il wi-fi e non costringe a posizionare la tv non distante da una presa ethernet.

Previous post

Zika virus, in Francia si teme il contagio col sesso orale

Next post

L'Unione olio di palma sostenibile: "Non è vero che sapevamo dei rischi"

The Author

Paolo Moretti

Paolo Moretti