News

L’offerta? Si cerca on line ma poi si compra in negozio

Gli italiani sono sempre alla continua e affannosa ricerca delle offerte e lo fanno documentandosi on line. Poi però l’acquisto lo compiono ancora nel negozio fisico-tradizionale. Così la stragrande maggioranza dei consumatori pianifica i propri acquisti prima di recarsi al supermercato utilizzando strumenti on line, app e siti specializzati nella comparazione delle offerte.

Il centro studi Tiendeo, portale leader in cataloghi e offerte on line, ha condotto un sondaggio tra i propri utenti per far luce sulle abitudini di pianificazione degli acquisti dei consumatori. L’analisi mostra come internet ha modificato il modo in cui i consumatori organizzano gli acquisti. E così il 93% dei consumatori utilizza strumenti on line per pianificare i propri acquisti, mentre il 76% del campione cambierebbe negozio se trovasse un’offerta migliore durante la pianificazione on line degli acquisti. Per la stragrande maggioranza degli intervistati, i volantini digitali sono lo strumento più usato per pianificare gli acquisti.

infographics_studio tiendeo_supermercatiNonostante questi numeri, i consumatori sono ancora scettici nell’acquistare on line, tant’è vero che solo il 16% di essi acquista prodotti su internet. Stessa percentuale quella degli utenti che continua on line il processo di acquisto dei prodotti che ha individuato.

Sulla base dello studio di Tiendeo, più dei due terzi degli utenti cambierebbe negozio se trovasse online offerte migliori durante la fase di pianificazione degli acquisti. Questa posizione è particolarmente veritiera nel caso dei prodotti elettronici, in cui l’89% dei consumatori dichiara che sceglierebbe un super o ipermercato diverso da quello pianificato se trovasse un prezzo migliore.

Nel comparto dei grandi volumi di vendita (cibo, medicinali e igiene personale), la fedeltà dei consumatori è alta. Nonostante ciò, solo 1 consumatore su 5 resterebbe fedele al rivenditore locale indipendentemente dalle offerte trovate su internet. L’analisi infine evidenzia la crescente importanza che i consumatori attribuiscono ai prezzi dei prodotti quando pianificano i propri acquisti.

Previous post

Latte in polvere e palma: l'alternativa c'è (ma costa)

Next post

Ritirato il latte Bimbosan Super Premium 1 contaminato da Cronobacter

The Author

Ettore Cera

Ettore Cera