Provato per voi

Mixì, il mixer che fa tutto da solo? Promosso (con riserva)

Da sempre i produttori di elettrodomestici cercano di dispensarci – più o meno utilmente – da qualsiasi attività manuale. Ci prova anche Mixì il mescolatore automatico ricaricabile della nota famiglia Ariete declinante in “ì” (già ci siamo occupati dello scaldavivande “Scaldì”). Un utile strumento dotato di una compatta batteria ricaricabile, dotata di un’autonomia di 2h, più che sufficiente per la preparazione della maggior parte delle ricette. E così polenta, risotti, ragout, béchamel, creme, marmellate potranno essere cucinati agevolmente.

Mixì è composto da un corpo propulsore cordless (con ricarica da rete a 220V), un “ponte” adattatore e un albero estensibile dotato di una coppia di pale. Il corpo propulsore contiene il motore e la batteria (purtroppo con effetto “a memoria”; il che significa dover ciclicamente ricaricare per 16h e scaricare completamente); controlli Led e presa di ricarica sono perfettamente manovrabili e visibili.

mixìGrazie a due bracci estensibili si adatta a pentole di differente diametro (160-260 mm; sebbene realizzati in poliammide rinforzata con fibra di vetro, è opportuno modulare adeguatamente la fiamma…). L’albero estensibile, a tre “sezioni telescopiche”, permette invece l’adattabilità a contenitori di diversa profondità (85-175 mm). Va detto che queste sezioni telescopiche tendono a infiltrarsi col cibo ed è necessario disassemblarle quasi a ogni uso per pulirle.

Le pale, smontabili ed elastiche, si adattano al diametro interno delle pentole. Ovviamente la pressione laterale sulle pareti dei contenitori sarà minore per le pentole di diametro maggiore. Va anche detto che la sagoma delle estremità delle pale non si adatta legendasempre perfettamente alla forma del contenitore, pur senza evidenti problemi di funzionamento. Più rilevante è il fatto che una pala del prodotto in prova (e di un secondo che abbiamo testato) è risultata deformata: ciò determina una lieve oscillazione dell’albero. I “gruppi” sono facilmente montabili e separabili e pulizia o lavaggio in lavastoviglie sono semplici.

In definitiva un utile ausilio per la cucina, sicuramente perfezionabile ma già efficace.
Viene venduto a 55 euro.

Previous post

Il portabici Thule richiamato: può essere pericoloso

Next post

Tim e quegli abbonamenti imposti a chi va all'estero

The Author

Sergio Antonio Salvi

Sergio Antonio Salvi