News

Inghilterra, Ong accusano: Sanità pubblica collusa con industria alimentare

Collusi con l’industria alimentare con false informazioni sul colesterolo e sui cibi dietetici. Questa la pesantissima accusa che un rapporto pubblicato in Gran Bretagna ha lanciato contro gli enti sanitari pubblici nazionali.

L’accusa delle Ong

Con un rapporto, le Ong National Obesity Forum e la Pubblich health collaboration sostengono che invitare la gente a seguire diete a basso contenuto di grassi e per abbassare il colesterolo ha “conseguenze disastrose per la salute”, e chiedono una “profonda revisione” delle attuali linee guida dietetiche. Secondo quanto riportato da un lungo articolo del The Guardian, le Ong sostengono che il concentrarsi sulle diete a basso contenuti di grasso non riuscirebbero ad affrontare la situazione critica per l’obesità in Gran Bretagna, mentre sono gli spuntini tra i pasti a far ingrassare le persone.

“I grassi sani non fanno ingrassare”

Al contrario, secondo il rapporto, bisogna tornare a “cibi integrali” come carne, pesce e latticini, così come a cibi ad alto contenuto di grassi sani, tra cui l’avocado, perché “Mangiare grassi non fa ingrassare di per sé”. Il rapporto, che ha causato grosse polemiche tra la comunità scientifica, sostiene inoltre che i grassi saturi non causano malattie cardiache, e che i latticini con grassi naturali, tra cui latte, yogurt e formaggio, possono effettivamente proteggere il cuore.

Dito puntato contro i cibi light

Al contrario, gli alimenti trasformati che riportano in etichetta la scritta “basso contenuto di grassi”, “light”, “basso contenuto di colesterolo” o “è stato dimostrato di abbassare il colesterolo” dovrebbero essere evitati a tutti i costi, e le persone con diabete di tipo 2 dovrebbero seguire una dieta ricca di grassi piuttosto che a base di carboidrati. Il rapporto ha anche detto lo zucchero dovrebbe essere evitato, la gente dovrebbe smettere di contare le calorie e l’idea che fare sport è sufficiente a sovrastare una cattiva alimentazione, “è un mito”. Invece, una dieta a basso contenuto di carboidrati raffinati, ma ad alto contenuto di grassi sani sarebbe “un approccio efficace e sicuro per prevenire l’aumento di peso e aiutare la perdita di peso”,riducendo il rischio di malattie cardiache. “La continua demonizzazione di grasso naturale onnipresente spinge le persone lontano da alimenti altamente nutrienti, sani e di promozione della salute ” ha sottolineato il rapporto, puntando il dito sulle responsabilità di questa cattiva informazione: “La scienza del cibo è anche stata corrotta da influenze commerciali”.

I conflitti d’interesse con l’industria alimentare

Proprio come le grandi aziende produttrici di tabacco hanno acquistato la “fedeltà degli scienziati”, rispetto al collegamento tra il fumo e il cancro ai polmoni, l’influenza del settore alimentare rappresenta una “grave minaccia per la salute pubblica”, sostengono le Ong. Nello specifico, la recente Guida “Eatwell” del ministero della Salute inglese, riportano gli autori, è stato prodotto con un gran numero di persone del settore alimentare e delle bevande.

Gli esperti critici

David Haslam, presidente del National Obesity Forum, dichiara: “In qualità di medico, trattando pazienti per tutto il giorno tutti i giorni, ho subito capito che le linee guida dall’alto, suggerendo alto contenuto di carboidrati, e diete a basso contenuto di grassi considerate la panacea universale, erano profondamente viziate. Gli attuali sforzi sono falliti la prova è che i livelli di obesità sono più alti di quanto non siano mai stati, e non mostrano alcuna possibilità di ridursi nonostante gli sforzi del governo e gli scienziati.” Aseem Malhotra, consulente cardiologo e membro fondatore di Pubblich health collaboration, associazione di medici, ha detto che le linee guida dietetiche che promuovono alimenti a basso contenuto di grassi sono “forse il più grande errore nella storia della medicina moderna, con conseguenze devastanti per la salute pubblica. Dobbiamo cambiare urgentemente il messaggio al pubblico per invertire l’obesità e il diabete di tipo 2″.

I professori che stanno con la Publich Health

Dall’altro lato del campo di battaglia si è schierato invece Simon Capewell, docente presso la Facoltà di sanità pubblica: “Sosteniamo pienamente la nuova guida di sanità pubblica in Inghilterra su una dieta sana. I suoi consigli riflettono evidenze scientifiche di cui tutti noi possiamo fidarci. E non è stata influenzata dal settore. Al contrario, il rapporto del National Obesity Forum non è stato sottoposto  a una revisione tra pari. Inoltre, non si indica che l’ha scritto o come è stato finanziato. Questo è preoccupante. ” Il collega Naveed Sattar, dell’Università di Glasgow, sostiene che il rapporto invitando a mangiare più grassi a partire dal titolo, fa un’operazione molto controversa che “Potrebbe avere conseguenze negative per la salute pubblica”.

Previous post

Pagamenti online, norme più severe da Bankitalia

Next post

Ryanair, la paura di volare fa diminuire le tariffe

The Author

Lorenzo Misuraca

Lorenzo Misuraca