News

Allarme dagli Usa: lo Xilitolo può essere letale per i cani

Punto di forza in molte pubblicità di gomme da masticare e dentifrici, lo xilitolo può invece rivelarsi letale se ingerito da un cane. A lanciare l’allarme è la Fda, l’agenzia per la sicurezza alimentare Usa, che ha ricevuto diverse segnalazioni al suo Centro di medicina veterinaria, soprattutto riguardo cani avvelenati dopo aver mangiato una gomma da masticare. Lo xilitolo è una sostanza utilizzata spesso per sostituire lo zucchero come dolcificante, contenendo meno calore di quest’ultimo. È utilizzato anche per mentine, sciroppi per la tosse, colluttori, e vitamine masticabili.

Perché è pericoloso solo per i cani

Sia nel metabolismo delle persone che in quello canino, il livello di zucchero nel sangue è controllato dal rilascio di insulina dal pancreas. Ma nelle persone, lo xilitolo non stimola il rilascio di insulina da parte del pancreas, mentre quando i cani mangiano qualcosa contenente xilitolo, questo è più rapidamente assorbito nel flusso sanguigno, e può provocare un potente rilascio di insulina da parte del pancreas. Questo effetto può provocare una diminuzione rapida e profonda del livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia), tra i 10 e i 60 minuti dopo l’ingestione. Se non s’interviene rapidamente, questa ipoglicemia può essere pericolosa per la vita.

I sintomi

Ma spesso i propri cuccioli ingeriscono roba trovata per strada senza essere visti, dunque l’Fda elenca i sintomi da cui riconoscere il possibile avvelenamento da xilitolo: vomito, seguiti da sintomi associati con l’improvviso abbassamento della glicemia, come attività ridotta, debolezza, barcollamento, mancanza di coordinazione, collasso e convulsioni.

Cosa fare in caso di avvelenamento

“Se pensate che il vostro cane ha mangiato xilitolo – consiglia di conseguenza Martine Hartogensis, veterinario del Fda – portartelo immediatamente dal vostro veterinario o un ospedale per animali. Poiché l’ipoglicemia e altri gravi effetti avversi non possono verificarsi in alcuni casi, per un massimo di 12 a 24 ore, il vostro cane può avere bisogno di essere monitorato”. Secondo l’Agenzia americana invece non ci sono dimostrazioni di pericolosità dello xilitolo per i gatti, probabilmente perché “non amano i dolci”.

Cosa fare per evitarlo

Hartogensis indica alcune precauzioni per evitare di correre dal veterinario: “Se siete preoccupati che il vostro cane mangi un alimento o un prodotto con xilitolo, controllare l’etichetta degli ingredienti. Se contiene xilitolo, assicuratevi che il vostro animale domestico non possa arrivarci”. Inoltre, si consiglia di utilizzare per i propri cani solo dentifricio apposito per animali domestici, mai il dentifricio umani, e se si dà il burro di noci al cane, ad esempio come veicolo per le pillole, controllare l’etichetta prima per assicurarsi che non contenga xilitolo.

Previous post

Canone, entro domani la certificazione per non pagare

Next post

La bolletta da incubo dell'Enel e i miei consumi reali

The Author

Lorenzo Misuraca

Lorenzo Misuraca