News

Macedonie di frutta, attenzione a germi, batteri e lieviti

Quando un pasto salutare può trasformarsi in un pericolo della salute. Stiamo parlando delle vaschette di frutta già pronte in vendita nei supermercati finite sotto la lente d’ingrandimento del mensile svizzero dei consumatori Ktipp. La rivista ha portato in laboratorio 20 macedonie di frutta alla ricerca di germi, batteri e lieviti scoprendo che la preparazione della metà di questi prodotti non rispetta tutte le regole igieniche e di sicurezza. (continua dopo l’innografia in tedesco)

image

Molti campioni sono stati pesantemente sovraccaricati con i germi. Tra i peggiori per la loro quantità (il mensile parla di “milioni”) ci sono la macedonia ” Ready for you” in vendita presso la catena Denner e il “Fruit du jour”” di Globo dove la presenza di germi ha superato cinque volte il valore di tolleranza.

I germi si moltiplicano molto rapidamente se il cibo non è ben raffreddato: si tratta di un rischio per la salute dei neonati, delle donne in gravidanza, di anziani e delle persone con sistema immunitario indebolito. Andreas Widmer, medico specialista e l’igiene presso l’Ospedale universitario di Basilea, commentando i risultati del test, ha spiegato che: “L’alta incidenza di germi è un’indicazione che le condizioni di stoccaggio e di produzione non erano sufficienti”.

In molti campioni sono stati rinvenuti anche grandi quantità di enterobatteri, un gruppo di batteri che “abitano” l’intestino e responsabili di episodi di diarrea e vomito acuto. Tra le referenze peggiori sotto questo aspetto una a marchio Coop. Il problema principale è che i consumatori non possono in alcun modo accorgersi della presenza di questi batteri e cos’ finiscono per intossicarsi senza esserne consapevoli.

Infine i lieviti la cui presenza è stata evidenziata in 6 referenze su 20: anche in questo caso tra i peggiori la macedonia “Ready for you” di Denner.

Previous post

Treni veloci, più diritti dal 2017 ma scoppia il caso abbonati

Next post

Caporalato, in un anno 50mila sfruttati in più. E la rete del Ministro non decolla

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino