News

Mutui al via le nuove regole, chi salta 18 rate “perde” la casa

Sventati due rischi per i consumatori, entrano in vigore le nuove regole sui mutui. Il governo ha approvato il decreto legislativo della – tanto discussa – direttiva 17/2014, un provvedimento che in questi mesi ha suscitato molte proteste e dal quale, forse anche grazie a un serrato fuoco di fila contro le intenzioni del governo, sono state escluse due misure che avrebbero penalizzato molto i mutuatari: la reintroduzione delle penali in caso di estinzione anticipata del finanziamento e il pignoramento veloce dopo 7 rate non pagate.

La nostra petizione contro le penali

La direttiva 17/2014 dava la possibilità agli Stati membri di introdurre – nel nostro caso di reintrodurre – una penale per l’estinzione anticipata dei mutui, abolita in Italia nel 2007 dalle lenzuolate Bersani e che aveva dato vita al mercato delle surroghe. L’intenzione del governo, come ha documentato il Test-Salvagente a settembre scorso, era quella di reintrodurre il balzello contro il quale oltre 30mila italiani hanno firmato la nostra petizione. Ci fu la marcia indietro del governo confermato ora dal testo del decreto legislativo.

Ammorbidito il pignoramento “veloce”

L’altra buona notizia per i mutuatari è l’ammorbimento del pignoramento “veloce”. Nella prima stesura del testo infatti prevedeva che la proprietà della casa – senza passare dal giudice – passava alla banca qualora il mutuatorio saltasse 7 rate. Il testo è stato rivisto alla luce delle proteste che il provvedimento aveva scatenato e le rate sono salite a 18. Altri paletti a garanzia del consumatore sono stati posti.

Ecco come è stato riscritto e cosa prevede il decreto attuativa della direttiva:

  • la banca e il mutuatario possono concordare in sede di stipula l’inserimento di una clausola che, in caso di inadempienza prolungata per 18 mesi, la casa, senza passare per l’asta giudiziaria, diventi di proprietà dell’istituto di credito;
  • il consumatore ha diritto a farsi assistere da un consulente in fase di stipula del contratto per accettare o meno la nuova clausola di inadempimento;
  • le nuove regole si applicano solo ai nuovi mutui. La regola delle 18 rate saltate non vale neppure per le ipotesi di surroga dei contratti sottoscritti prima dell’entrata in vigore del decreto legislativo;
  • se dalla vendita della casa la banca ricaverà meno del valore del credito, il mutuatario inadempiente sarà lo stesso liberato dal debito;
  • se dalla vendita della casa la banca ricaverà di più del valore del credito, l’eccedenza andrà al consumatore.

Sull’applicazione delle nuove regole – che prevedono anche informazioni precontrattuali più completen – vigilerà Banca d’Italia la quale dovrà anche “avere un particolare riguardo ai casi di eventuale stato di bisogno o di debolezza del consumatore”.

Previous post

Tassa sulla sharing economy: così lo Stato guadagna sulla condivisione

Next post

Esenzione canone slitta al 15 maggio ma i problemi restano

The Author

Ettore Cera

Ettore Cera