Glifosato, il parlamento Ue cede alla Monsanto

Una richiesta di proroga per 7 anni anziché 15 e solo a uso professionale. È questa la richiesta del parlamento europeo alla Commissione appena votata a Strasburgo e passata con 374 voti a favore, 225 contrari e 102 astensioni. Una sconfessione secca della volontà dei cittadini europei, due terzi dei quali erano contrari alla proroga a favore della Monsanto, produttore del pesticida più utilizzato al mondo.

La limitazione per soli usi professionali, è bene spiegarlo, elimina dai prodotti per il fai-da-te il pesticida ma non tocca minimamente la grande diffusione dell’erbicida visto che lascia agli agricoltori la possibilità di utilizzarlo.

Ora la palla passa alla Commissione che a maggio  dovrà emettere il verdetto sul glifosato. Il pesticida è bene ricordarlo, è stato inserito nella lista Iarc dei possibili cancerogeni (e come tale non dovrebbe essere rinvenuto neppure in tracce negli alimenti) ma “assolto” dall’Efsa.

I deputati chiedono una revisione indipendente e la pubblicazione di tutte le prove scientifiche che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) utilizzato per valutare glifosato. Da Strasburgo è arrivata in particolare un’esortazione allla Commissione e all’Autorità europea per la sicurezza alimentare a “rivelare immediatamente tutte le prove scientifiche alla base per la classificazione del glifosato e della proposta di nuova autorizzazione, visto l’interesse pubblico prevalente alla divulgazione”.

I deputati condannano anche come “inaccettabile” l’uso del glifosato in una pratica agricola conosciuta come “burndown verde” o “preharvest“, cioè prima del raccolto al fine di accelerare la maturazione e facilitare la raccolta. .

A questo pesticida è dedicata la copertina del numero in edicola il 23 aprile di Test-Salvagente, che lo ha cercato su decine e decine di alimenti comuni nelle nostre tavole.

[su_divider text=”PER SAPERNE DI PIU’ ” style=”dashed” divider_color=”#f80438″ link_color=”#f80438″ size=”4″]

Monsanto: “Il glifosato non è pericoloso”. Ma non ci convince

Glifosato, i dubbi sulla valutazione dell’Efsa

Glifosato, Governo contrario al rinnovo dell’autorizzazione

Glifosato anche nel miele, la minaccia globale del pesticida Monsanto