News

Lotta all’evasione: ora il Fisco sa tutto di noi

Da oggi 31 marzo è operativa la cosiddetta Anagrafe dei rapporti finanziari. Termina oggi, infatti, il tempo a disposizione di banche, Poste e intermediari finanziari per trasmettere all’Agenzia delle Entrate i dati dei correntisti relativi al 2015: saldo, giacenza media e movimenti del conto e delle carte di credito e di debito (bancomat), depositi  e informazioni su ogni investimento e rapporto finanziario andranno così ad aggiornare l’archivio del Fisco.

Una sorta di “grande fratello” che saprà tutto dei correntisti italiani, ma che promette di utilizzare questa immensa e preziosa mole di informazioni solo per stanare gli evasori: “Nessun controllo generalizzato e diffuso dei contribuenti”, ha assicurato il Garante Privacy Antonello Soro.

Controlli e accertamenti, infatti, dovrebbero scattare – questa è la rassicurazione delle Entrate – solo nel caso in cui si riscontrino incongruità tra il reddito dichiarato e quanto invece risulta dal data base del Fisco (che segnala, ad esempio, una movimentazione di denaro decisamente superiore).

 

Previous post

Francia, il video choc che svela le crudeltà nel mattatoio

Next post

Aflatossine nei formaggi, ecco come è scoppiato il caso

The Author

carla tropia

carla tropia