News

Dark Act, Senato Usa contrario alla norma che nasconde gli Ogm

Negli Stati Uniti il movimento a favore di un’etichettatura sui cibi Ogm ha guadagnato una prima grande vittoria. In Senato il cosiddetto Dark Act non ha ottenuto i 60 voti necessari per essere approvato: solo 48 senatori, infatti, hanno votato a favore di un provvedimento che di fatto vieta ai consumatori americani di sapere di cosa sono fatti i cibi che portano in tavola e, allo stesso tempo, permetterebbe di ignorare le leggi statali che richiedono l’etichettatura degli alimenti contenenti ingredienti Ogm, come quella che il prossimo 1° luglio entrerà in vigore nel Vermont.

A favore del provvedimento “The Safe and Accurate Food Labeling Act″è scesa in campo, a suon di dollari, la potente lobby delle industrie alimentari secondo cui con una legge “trasparente” aumenterebbero i costi di produzione che vengono scaricati sui consumatori. Dall’altro lato della barricata l’opinione pubblica che al grido di “Gli americani devono sapere” ha fermato l’iter legislativo della norma.

Previous post

"Buoni e Giusti", i controlli di Coop su frutta e verdura contro il caporalato

Next post

Grana all'aflatossina, e gli altri formaggi?

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino