News

Pesticidi, costi più alti dei benefici

Trentanove miliardi e mezzo. Tanto costano all’anno i pesticidi negli Stati Uniti. A dirlo un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Springer che ha individuato quattro categorie di costi: i costi della regolamentazione, i costi per la salute umana, i costi ambientali e le spese per la prevenzione e difesa. Tali costi sono sia interni al mercato, ma nascosti agli utenti, o esterni al mercato e spesso pagati da una terza parte. Per giungere alle loro conclusioni, Denis Bourguet and Thomas Guillemaud hanno analizzato 61 studi pubblicati tra il 1980 e il 2014, e 30 raccolte di dati indipendenti.

Costi più alti dei benefici

“Il costo di utilizzo di pesticidi ha oltrepassato i suoi benefici, soprattutto negli Stati Uniti degli anni ’90 – hanno affermato i due ricercatori in un’intervista – Finalmente abbiamo provato che l’impatto chiave da valutare è il costo di malattie e decessi innescati e favoriti dall’esposizione cronica ai pesticidi. Il rapporto costi-benefici dell’uso di pesticidi potrebbe essere facilmente contenuto al di sotto di 1 se fosse stato preso in considerazione. La quantificazione di tale costo chiave è pertanto urgente e necessaria per una valutazione più accurata dell’uso di pesticidi e per raggiungere gli obiettivi sulla regolamentazione”.

I costi di regolazione: 22 mld di dollari

I costi di regolamentazione hanno raggiunto valori molto alti, nel decennio del 2000, ad esempio, 4 miliardi di dollari all’anno solo negli Stati Uniti. Tuttavia, affermano i ricercatori, se tutti i regolamenti fossero stati rispettati, tali costi sarebbero di 22 miliardi di dollari negli USA.

I costi per la salute: 15 mld di dollari

Gli studi sui costi per la salute non hanno invece preso in considerazione i casi di cancro provocati da esposizione cronica che hanno causato decessi. Se invece fossero stati tenuti conto, ci dice questo nuovo studio, le stime dei costi sanitari sarebbero aumentate fino a dieci volte, per esempio da 1,5 miliardi si avrebbero 15 miliardi di dollari negli Stati Uniti solo nel 2005.

L’impatto ambientale: 8 mld di dollari

La maggior parte degli impatti ambientali non sono mai stati quantificati nella letterattura scientifica precedente, analizzata da questi studiosi. Sulla base di una stima, i costi ambientali sono arrivati fino a 8 miliardi di dollari nel 1992 solo in USA. Possiamo solo immaginare quanto sarebbe la quantificazione per gli altri Paesi del Mondo.

La prevenzione: 6,4 mld di dollari

Anche se le spese di prevenzione sono state raramente considerate in letteratura, includono almeno il costo aggiuntivo che si paga per il consumo di alimenti biologici, causato proprio da un atteggiamento avverso all’ uso di pesticidi da parte dei consumatori. Questo costo ha raggiunto più di 6,4 miliardi di dollari in tutto il mondo nel 2012. I ricercatori suppongono infatti che i prezzi nel mercato bio sono più alti del 20% rispetto al cibo convenzionale e che circa il 50% dei consumatori che scelgono prodotti biologici lo fanno per motivi direttamente legati alla prevenzione del rischio da esposizione ai pesticidi.

 

Previous post

Etichetta a semaforo, penalizza le nostre eccellenze

Next post

Naturale e senza additivi: così i consumatori scelgono i cibi

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino