CHIEDILO AL TEST

“Da due anni Acea mi deve 300 euro di rimborso”

Gentili de il Test-Salvagente,
sono un abbonato della nuova rivista dopo esserlo stato de Il Salvagente. Mi rivolgo a voi per una questione riguardante Acea. Dietro invito di Acea e seguendo le sue indicazioni, il 20 marzo 2014 ho chiesto il rimborso della “quota di tariffa depurazione”. Da quella data non ho ricevuto nessuna comunicazione in proposito e nelle “bollette” pagate successivamente non vi è stato nessun riferimento alla questione.
Circa un anno fa mi sono recato presso gli uffici dell’azienda. All’accoglienza clienti mi hanno detto che le pratiche erano in lavorazione e che a suo tempo avrebbero emesso una nota di credito. Ora è passato un’altro anno, ma nulla si è visto. Per cercare di avere informazioni mi sono recato presso un patronato, ma mi chiedevano di fare una tessera di 50 euro a fronte dei circa 300 euro che la Acea mi deve.
Mi rivolgo perciò a voi nella speranza di avere informazioni su questa faccenda.
Primo Massimiani

 

Gentile Paola, abbiamo chiesto di risponderle a un’esperta, la responsabile del servizio utenze di Konsumer Italia, Valentina Masciari. Ecco le sue indicazioni

virgolette-1Primo Massimiani, ha perfettamente ragione a lamentarsi del fatto che le somme che gli sono state riconosciute a suo credito da Acea Ato2, ad oggi, a distanza quindi di qualche anno, non gli siano state ancora rimborsate, nonostante abbia già avviato una regolare procedura di richiesta di rimborso.
Come è consuetudine delle aziende fornitrici di servizi in genere,  quando si tratta di  fare rimborsi,  ci “pensano”  parecchio a fare i calcoli, mentre se devono riscuotere somme dai loro utenti,  sono molto più attente e rapide a procedere con le richieste del dovuto e con i distacchi delle utenze anche al minimo ritardo del cliente.

Il Sig. Primo, vista la mancata risposta di Acea ATO2, a  questo punto deve procedere con una messa in mora nei confronti di Acea Ato2, così da ricevere le somme che gli sono dovute e che Acea stessa ha ammesso di dovergli rimborsare.
Io suggerirei di calcolare anche gli interessi per il periodo di ritardo: d’altro canto se l’utente fosse in ritardo applicherebbe gli interessi di mora…
Se il Sig. Primo, avesse necessità di essere assistito in questa fase, può rivolgersi alla nostra Associazione, Konsumer Italia, e saremo ben lieti di fornirgli il nostro supporto

Previous post

Inquinamento indoor: aria pesante nelle scuole italiane

Next post

Allergeni non dichiarati, in Germania scatta ritiro per Nutella

The Author

redazione il Test

redazione il Test