News

Mutui, sparisce la garanzia del giudice

Nessuno esproprio dopo 7 rate di mutuo non pagate. Dopo le proteste dei giorni scorsi, il Governo è corso ai ripari e le commissioni Finanze di Camera e Senato hanno licenziato due pareri sul decreto mutui. In entrambi i casi sono stati apportati dei mini-correttivi rispetto al testo proposto. Il via libera con il voto favorevole della maggioranza e quello contrario delle opposizioni (contrari Lega, Sinistra italiana e il Movimento 5 stelle) al parere predisposto dai relatori, Giovanni Sanga (Pd) alla Camera e Lucrezia Ricchiuti (Pd) al Senato. Rispetto alla precedente versione del parere, a Montecitorio è stato aggiunto un passaggio che impegna le banche “a valorizzare l’immobile al miglior prezzo di realizzo possibile, indipendentemente dall’ammontare del debito residuo”. Mentre a Palazzo Madama è stato precisato che l’inadempimento per mancato pagamento che può far scattare il trasferimento della casa dal mutuatario alla banca potrà essere definito o “per l’equivalente di 18 rate mensili” o eventualmente potrà essere espresso “in percentuale del mutuo”. Per la relatrice Ricchiuti le due ipotesi dovrebbero essere alternative e l’eventuale percentuale dovrà essere definita. Obiettivo dei due nuovi interventi è introdurre nuove tutele per il debitore in caso di sottoscrizione della clausola di morosità ma resta un passo indietro rispetto all’attuale previsione che prevede l’intervento del giudice.

Previous post

La Cargill riduce l'uso di antibiotici negli allevamenti Usa

Next post

Olio, ecco come è nato lo scandalo del falso Igp

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino