News

Amburgo, stop a plastica e capsule di caffè

Amburgo vuole essere la città più “eco” della Germania, un modello da seguire per tutte le altre.
La città tedesca – seconda dopo Berlino per popolazione – fa sul serio e da fine gennaio si è dotata di un codice di autoregolamentazione molto forte: la “Guida per appalti verdi”, un documento di ben 150 pagine contenente le norme ambientali che tutti gli uffici delle amministrazioni pubbliche devono rispettare nei loro acquisti.

 

SOLO ACQUISTI NECESSARI E SOSTENIBILI

Tantissime le raccomandazioni volte alla salvaguardia dell’ambiente e al contenimento della spesa pubblica: regole stringenti da seguire per l’acquisto di attrezzature, illuminazione, articoli per l’igiene e materiale informatico, e norme che indirizzano verso scelte ecologiche anche per la mobilità, suggerendo ad esempio la sostituzione delle inquinanti auto aziendali con più sostenibili biciclette o abbonamenti al trasporto pubblico.

In generale, poi, per ogni acquisto il funzionario deve verificare che sia davvero necessario o possa essere evitato, quale sia il suo impatto sia in termini di costi che di sostenibilità ambientale considerando l’intero suo ciclo di vita, dalla produzione allo smaltimento.

 

BANDITE CAPSULE DI CAFFÈ E BOTTIGLIE IN PLASTICA

Infine, la guida contiene un elenco di prodotti da bandire senza appello: negli uffici sono state vietate le capsule di caffè, gli imballaggi in plastica, bottiglie, posate e piatti di plastica e detergenti per la pulizia con cloro, considerati troppo inquinanti.

E la lista promette di allungarsi nei futuri aggiornamenti della guida.

Previous post

Amazon: a Milano la consegna di frutta e verdura è a domicilio

Next post

Via libera dell'Oms alle zanzare Ogm contro lo Zika

The Author

carla tropia

carla tropia