News

Caporalato, sì al principio di corresponsabilità campo-scaffale

L’introduzione del principio di corresponsabilità dal campo allo scaffale è una importante novità positiva nella lotta al caporalato che si alimenta dalle distorsioni lungo la filiera, dalla distribuzione all’industria per arrivare a sottopagare i prodotti nelle campagne. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo che ha partecipato al tavolo di confronto caporalato e lavoro nero convocato dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando e il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

Abbiamo iniziato un percorso per garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali – ha sottolineato Moncalvo – ci sia una storia di qualità che riguarda l’ambiente, la salute ed il lavoro, con una equa distribuzione del valore. E questo – ha denunciato Moncalvo – non è possibile se i pomodori nei campi sono sottopagati a 8 centesimi al chilo e le arance ancora di meno.

La “responsabilità in solido” era uno dei principi contenuti nella campagna #FilieraSporca promossa dalle associazioni Terra!, daSud e terrelibere.org a cui ha aderito anche il nostro giornale.

 

 

Previous post

Canone Rai, primi chiarimenti ma restano ancora tanti dubbi

Next post

Dieselgate, anche Renault sospettata di falsare le emissioni dei motori

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino