News

Amianto nel vecchio Das: l’allarme dell’Ispo di Firenze

Ricordate il vecchio panetto di Das grigio con cui si sono divertiti i bambini degli anni 70? Una ricerca pubblicata in questi giorni sulla rivista ‘Scandinavian Journal of Work Environment and Health‘, firmato dai ricercatori italiani dell’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (Ispo), dell’Asl e dell’Università di Firenze, ha evidenziato la presenza di fibre d’amianto tanto che – suggeriscono i ricercatori – ai pazienti affetti da mesotelioma che non riferiscono di essere stati esposti ad amianto per motivi professionali, dovrebbe essere chiesto se in passato hanno usato il ‘Das’.

Il rischio – è bene sottolinearlo – non riguarda il “moderno Das”: quello di cui parla la rivista scandinava è la pasta modellabile grigia (tra l’altro non più in commercio in questo colore ma solo nella versione bianca e terracotta) prodotta dalla Adica Pongo a Lastra a Signa (Firenze) che ha chiuso i battenti nel 1993 dopo aver venduto il brevetto.

Tornando alla ricerca, questa dimostra che gli usi dell’amianto nel passato non sono stati ancora del tutto chiariti e che non vi erano limiti al suo impiego, essendo presente persino nei giocattoli. I ricercatori concludono con un consiglio rivolto a chi possiede ancora manufatti modellati tra il 1960 e il ’70: non si tratta di articoli pericolosi per la salute di chi li possiede ma è bene non ridurli in polvere, perché le fibre di amianto potrebbero ancora disperdersi in aria con il rischio di essere inalate.

Previous post

Pane nero, se c'è solo colorante non si può pubblicizzare l'effetto benefico

Next post

Provato per voi: Decathlon Run Light, correre sotto le stelle

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino