News

Olio, il governo corre ai ripari sulla depenalizzazione

Il governo corre ai riparari sul rischio di depenalizzazione del reato di contraffazione dell’olio made in Italy e promette una riscrittura dell’articolo 4 dello schema di decreto legislativo che modifica le sanzioni sull’olio di oliva. In una nota congiunta i ministri delle Politiche agricole e della Giustizia precisano che “sarà impegno del governo quello di lavorare con le competenti commissioni parlamentari già dalle prossime ore per specificare e rafforzare la prevalenza delle fattispecie penali e il quadro sanzionatorio del decreto affinché possa adempiere alla sua finalità di integrare e irrobustire la ‘legge Mongiello’ (la salva-olio, ndr), e le vigenti norme del codice penale, e per continuare ad assicurare la coerenza con i lavori della Commissione Caselli” che mira a riformare e aggiornare i reati agroalimentari.

Norma da modificare

Secondo i due ministeri “il testo dello schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie relative all’olio d’oliva non prevede alcuna depenalizzazione in materia di etichettatura e indicazione dell’origine; al contrario, aumenta fortemente le sanzioni amministrative e prevede ulteriori sanzioni per fattispecie nuove, oggi non punite”. Eppure proprio la scrittura poco chiara e per certi versi contraddittoria ha messo in allarme persino gli addetti del settore come Unaprol e la stessa deputata del Pd Colomba Mongiello.
“La prevalenza della norma penale verrà assicurata – rassicurano dal governo – in ogni caso e senza dubbi, anche chiarendo ulteriormente che, nel caso di individuazione di illeciti penali, le sanzioni amministrative non verranno applicate, in attesa degli esiti delle indagini penali”.

Previous post

Efsa approva una nuova forma di dolcificante stevia

Next post

Francia: multa da 672 milioni di euro per il cartello tra società di trasporto merci

The Author

enrico cinotti

enrico cinotti